Energica e Dell’Orto: Reinova come partner per proseguire il progetto E-Power

Prospettive elettriche

Energica e Dell’Orto: Reinova come partner per proseguire il progetto E-PowerEnergica e Dell’Orto: Reinova come partner per proseguire il progetto E-Power

Un nuovo passo per il progetto E-Power, un sistema di propulsione elettrico per la mobilità urbana sostenibile, intrapreso nel luglio del 2019 tra Energica Motor Company S.p.A e Dell’Orto S.p.A. Dopo circa due anni di sviluppo della base del powertrain modulare ideato dalla partnership delle due realtà, si segnala un’altra importante collaborazione con Reinova, puntando a proseguire e rafforzare l’approccio modulare di E-Power estendendo ancora la gamma e la capacità di supporto tecnico e sviluppo agli OEM, come indicato.

Informazioni

Il progetto che associa la capacità tecnica di Reinova, considerando i sistemi Powertrain elettrici, la professionalità ed esperienza di Energica nel settore delle moto elettriche e quella nei sistemi di controllo veicolo di Dell’Orto S.p.A., rappresenta l’inizio di una interessante sinergia al servizio di tutti gli OEM interessati all’elettrificazione e potranno trovare in Dell’Orto S.p.A.-Energica-Reinova un supporto dalla fase di concept, al design, alla validazione e calibrazione, sino alla produzione.

Il progetto Reinova, un polo avanzato per la mobilità sostenibile nato da un’idea di REI Lab s.r.l., Unindustria RE e Fondazione REI, figura come partner ideale con il quale Dell’Orto S.p.A. ed Energica condividono dei valori. Sono società italiane, possiedo un know-how tecnologico di spicco, propensione all’innovazione e al costante miglioramento, quindi il desiderio di supportare la transizione a una mobilità più sostenibile.
La collaborazione tra le tre aziende punta a dare un boost alla promozione e commercializzazione di sistemi di powertrain per la mobilità urbana e per la diffusione in larga scala dell’elettrificazione di applicazioni sino a 20 kW, come segnalato.

Foto: Energica – Dell’Orto

Leggi altri articoli in Mobilità elettrica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati