Triumph Bonneville Speedmaster: il rinnovamento della custom classica per il 2021 [FOTO E VIDEO]

Motore bicilindrico High Torque da 1.200 cc, Euro 5

Triumph Bonneville Speedmaster: il rinnovamento della custom classica per il 2021 [FOTO E VIDEO]Triumph Bonneville Speedmaster: il rinnovamento della custom classica per il 2021 [FOTO E VIDEO]

La nuova Triumph Bonneville Speedmaster è studiata per affrontare lunghe distanze e, assieme un’estetica classica ed elegante, presenta un affinato propulsore bicilindrico.

Stile da ricercata viaggiatrice

Nel filmato proposto da Official Triumph Motorcycles si evidenziano le peculiarità. Tratti distintivi associati alle caratteristiche della gamma Bonneville e tre possibili combinazioni cromatiche tra Jet Black, una seconda scelta che associa Fusion White e Sapphire Black con linea di finitura dipinta a mano e una nuova veste Red Hopper Candy.

I gruppi ottici sono a LED, compresi indicatori direzionali e luce della targa. Si sottolinea anche un connotativo motivo luminoso delle luci diurne. Nuova anche la cornice del quadrante arricchita da un piccolo logo Bonneville e nuove grafiche. Il display LCD è controllabile da un pulsante di scorrimento presente sul manubrio. L’aspetto retrò e distintivo della Speedmaster è rafforzato da diversi particolari tra cui il blocchetto di accensione montato lateralmente, la scatola della batteria con cinghia in acciaio inossidabile e il mozzo posteriore che richiama un freno a tamburo. Ridimensionati i fianchetti, all’interno di una visione interessante e curata dal punto di vista visivo.

Considerando gli oltre 79 accessori originali Triumph, inoltre, è possibile personalizzare l’esemplare optando per un’alternativa impostazione con manubrio alto, diverse sellerie, specchietti a goccia cromati o neri, barre paramotore, coperchi, finiture, stemmi, tappi, manopole riscaldate utilizzando il cablaggio interno predisposto o una borsa montata sul forcellone. Senza dimenticare un parabrezza per il turismo, poggiapiedi per il pilota, gli scarichi alternativi tra cui un sistema rifinito in nero, un portapacchi cromato, uno schienalino per il passeggero e le borse laterali in pelle o cotone cerato.

Tecnica

La moto, come accennato, è pensata per affrontare lunghe distanze dato un assetto neutro, un funzionale temperamento e una posizione di guida che privilegia il comfort. La sella è posta a 705 millimetri da terra ed è possibile anche una configurazione biposto maggiormente confortevole, tenendo presente una posizione per il pilota con supporto lombare separato e una sezione scolpita con imbottitura di maggior spessore, mentre la posizione del passeggero è caratterizzata da un’imbottitura più spessa di 11 mm rispetto al precedente modello. La configurazione può variare tra una configurazione doppia o singola in base alle necessità, consentendo l’adozione di un portapacchi posteriore. Sempre pensando al comfort di marcia, si segnalano anche un cruise control e una frizione a coppia assistita.

Il modello è equipaggiato con forcelle Showa maggiorate a cartuccia da 47 mm e un mono-ammortizzatore posteriore nascosto, gestibile nel precarico. L’impianto frenante Brembo include davanti un doppio disco, tenendo presenti anche ABS di ultima generazione e traction control disinseribile. Funzionali anche la tecnologia ride-by-wire di ultima generazione e le evolute modalità di guida Road e Rain.

Un motore vivace

La nuova Triumph Bonneville Speedmaster è animata da un rinnovato propulsore bicilindrico High Torque da 1200 cc. Un cuore con una messa a punto specifica per trasmettere coppia e potenza consistenti fin dai bassi regimi e un ordine di accensione a 270 gradi come la gamma Bonneville. Ridotta l’inerzia in funzione dell’efficienza, considerando la normativa Euro 5, sottolineando anche raffreddamento a liquido e anche uno scarico in acciaio inossidabile cromato lucido. Un impianto di scarico esclusivo per il modello.

La potenza raggiunge 78 cavalli a 6.100 giri/minuto e il vertice di coppia è di 106 Nm a soli di 3.850 giri/minuto, di cui oltre il 90% disponibile fino a 5.750 giri/minuto. L’intervallo di manutenzione risulta di 16.000 km.

Video: Official Triumph Motorcycles
Foto: Triumph

Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati