Moto Guzzi: il 2022, l’inizio di un nuovo centenario

Verso i prossimi cento anni

Moto Guzzi: il 2022, l’inizio di un nuovo centenarioMoto Guzzi: il 2022, l’inizio di un nuovo centenario

Moto Guzzi V100 Mandello e un progetto di ristrutturazione conservativa del sito industriale a Mandello del Lario sono le più recenti e interessanti novità dello storico marchio, che il prossimo 15 marzo compirà 101 anni. Un tradizione secolare proiettata in avanti verso un nuovo secolo di storia, secondo un costante percorso di evoluzione tecnica e tecnologica.

Moto Guzzi V100 Mandello

Il nuovo modello presentato in occasione di EICMA è caratterizzato da un’estetica caratterizzata da tratti fluidi e aerodinamici sono abbinati a soluzioni tecniche raffinate, da un cupolino con un richiamo alla Le Mans 850 III del 1981, ai fianchetti sottosella con feritoie che ricordano il modello Le Mans del 1976. Caratterizzante la firma luminosa con DRL e sistema “bending lights”ed è peculiare l’aerodinamica adattativa.
Si segnalano due versioni distinguibili dall’allestimento, quella con la dotazione più nutrita presenta anche: manopole riscaldabili, sospensioni semiattive Öhlins, sistema quick shift e piattaforma multimediale Moto Guzzi MIA che consente di collegare lo smartphone alla strumentazione via bluetooth con differenti funzioni.

La moto è animata da un nuovo motore bicilindrico “compact block” di 1.042 cm³, riconoscibile dall’architettura a V trasversale di 90° come da tradizione. Un cuore propulsivo di dimensioni contenute e leggero, 103 mm più corto dello small block che anima l’esemplare Moto Guzzi V85 TT. La lubrificazione è a carter umido e il raffreddamento a liquido, sottolineando anche un comando idraulico per la frizione in bagno d’olio.
La trasmissione finale ad albero cardanico è associata a un mono-braccio in alluminio piuttosto esteso e posto a sinistra. L’uscita dell’albero di trasmissione è presente più in basso rispetto ai precedenti propulsori Moto Guzzi, come segnalato.
Si segnala una potenza di oltre 115 cavalli con una coppia superiore ai 105 Nm, il 90% disponibile già da 3.500 giri/minuto e limitatore a 9.500 giri/minuto.

“Road to 2121: i prossimi 100 anni di Moto Guzzi”

Come accennato è stato segnalato anche un progetto di ristrutturazione conservativa del sito industriale del marchio a Mandello del Lario, luogo in cui da 100 anni sono prodotti gli esemplari Moto Guzzi.
Un intervento che interesserà l’intero sito, considerando il progetto studiato dal famoso architetto e designer statunitense Greg Lynn. Si delinea un ambiente con spazi aperti e fruibili, dando luogo a un centro di aggregazione in cui convergono cultura, design e meccanica, tenendo presente anche la sostenibilità ambientale.

I nuovi edifici saranno sviluppati utilizzando delle cubature esistenti e secondo una funzionale gestione delle risorse energetiche, tenendo presenti impianti fotovoltaici e materiali ecosostenibili.
L’ampliamento della capacità produttiva, a fronte di un aumento costante della domanda di mercato, si somma a una innovativa concezione dell’impianto. Oltre al nuovo stabilimento, sono previsti anche spazi congressuali, un albergo e un ristorante. Il completamento dei lavori è prospettato per la prima metà del 2025.

Foto e immagine: Moto Guzzi – Piaggio Group

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati