Helbiz LAB 2040: un progetto di educazione civica stradale per le scuole

Il primo incontro in un istituto di Ostia

Helbiz LAB 2040: un progetto di educazione civica stradale per le scuoleHelbiz LAB 2040: un progetto di educazione civica stradale per le scuole

Helbiz LAB 2040 è un programma che riguarda l’educazione civica stradale sviluppato per le scuole italiane.

Informazioni

Lanciato da Helbiz, una realtà specializzata in micromobilità, questo format è partito nella giornata del 21 settembre con un primo incontro in un istituto superiore di Ostia. Le attività del progetto proseguono il 23 settembre a Roma e successivamente il giorno 24 a Pescara, mentre il 26 a Milano.

In seguito alla recente introduzione della modalità “Principiante”, pensata per coloro che si avvicinano a un monopattino riducendo la velocità a 15 km/h nelle prime tre corse, oltre a un controllo fisico del parcheggio tramite un addetto assieme a quello digitale; l’attenzione di Helbiz per la sicurezza prosegue con questa attività di educazione civica stradale in vari istituti italiani.
Si tratta di momenti di condivisione per diffondere informazioni sugli strumenti e sulle regole che riguardano un uso corretto dei monopattini elettrici, rispettando il Codice della Strada, in modo che le nuove generazioni abbiano un loro punto di vista su questo tipo di mobilità. Il progetto Helbiz LAB 2040 prevede momenti teorici e, se possibile, anche test.

Foto: Helbiz

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Mobilità elettrica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Monopattini elettrici: arriva il decreto attuativo del Ministero

Salvatore Palella, CEO di Helbiz la società di sharing monopattini elettrici racconta: "Buon primo passo, ma la strada da fare è ancora tanta"
Fino ad oggi l’utilizzo di monopattini elettrici, o sistemi di trasporto alternativi, nelle città era un argomento delicato, non era