Triumph Tiger 1200: nuove versioni per appassionati di avventure [VIDEO]

Cinque esemplari, al vertice due nuove Explorer

Triumph Tiger 1200: nuove versioni per appassionati di avventure [VIDEO]Triumph Tiger 1200: nuove versioni per appassionati di avventure [VIDEO]

La nuova panoramica Triumph Tiger 1200 comprende cinque modelli. Moto con cui è possibile esplorare ad ampio raggio, tra le quali due nuove versioni di vertice: Tiger 1200 Rally Explorer e Tiger 1200 GT Explorer equipaggiate con serbatoio da 30 litri. Un riassunto delle caratteristiche è visibile nel filmato proposto da Official Triumph Motorcycles su YouTube.

Diverse varianti

Le forme appaiono rastremate, contenute, essenziali. Una simbiosi tra sovrastrutture e componenti meccaniche che definisce un quadro scolpito e allo stesso tempo elegante. Svetta una parabrezza regolabile anche in movimento e si notano dei paramani per i diversi esemplari, che spaziano dal modello di accesso Tiger 1200 GT, passando per le altre versioni GT Pro e Rally Pro tutte con serbatoio da 20 litri, sino alle già citate Tiger 1200 GT Explorer e Tiger 1200 Rally Explorer con serbatoio più capiente.
Caratterizzante la firma luminosa frontale a LED con DRL, mentre soluzioni come le Adaptive Cornering Lights e le manopole riscaldate, risultano presenti sulle diverse versioni ad eccezione della Triumph Tiger 1200 GT. Altri aspetti distintivi sono gli elementi protettivi in alluminio, differenziati per aspetto e sviluppo. Sulle Tiger 1200 GT Explorer e Tiger 1200 Rally Explorer figurano barre protettive per il motore e nel caso delle seconda risultano estese sino alla zona serbatoio. Soluzioni che possono essere aggiunte ad altre varianti in base alle richieste.
Gli esemplari Explorer sono dotati anche di rilevatore della pressione degli pneumatici e di riscaldamento per la seduta di pilota e passeggero. L’altezza della sella può variare da 850 a 870 millimetri se si considerano gli esemplari di Tiger 1200 GT, GT Pro e GT Explorer; mentre passando agli esemplati Rally Pro e Rally Explorer l’altezza muta da 875 a 895 mm.
La strumentazione è visibile su uno schermo TFT da sette pollici con sistema di connettività My Triumph Connectivity System tramite Bluetooth®. Tra le soluzioni interessanti si citano anche un cornering traction control, diverse modalità di guida (cinque per la gamma GT e sei per gli esemplari Rally Pro e Rally Explorer con un dedicata modalità Off-Road Pro), Triumph Shift Assist e Hill Hold, tranne per il modello Triumph Tiger 1200 GT. Parlando solo degli esemplari di vertice GT Explorere e Rally Explorer, poi, si segnala l’adozione di un Triumph Blind Spot Radar system sviluppato assieme a Continental che prevede una funzione Blind Spot Assist, un avviso della presenza di veicolo nell’angolo cieco attraverso un radar collocato nella zona retrostante, quindi un’altra funzione Lane Change Assist che allerta il motociclista durante un cambio di corsia.
Tra le possibili opzioni si segnala come accessorio anche una sella bassa per una riduzione del dato di 20 mm, secondo le indicazioni.

Tecnica

La zona centrale del telaio e la stessa seduta sono state definite in modo da agevolare l’appoggio dei piedi a terra. Il manubrio risulta più largo di 20 mm rispetto al dato precedente e sugli esemplari di Triumph 1200 GT Explorer e Rally Explorer più sollevato di 16 mm a vantaggio di una posizione più sostenuta.
Altro fattore interessante è il contenimento di peso. Si evidenzia un telaio tubolare in acciaio più compatto e leggero di 5,4 kg, a questo sono associati stabilizzatori in alluminio e un telaietto posteriore ancora in alluminio. Ulteriore peso è stato risparmiato grazie all’utilizzo di alluminio per sviluppare anche il serbatoio e il forcellone posteriore bi-braccio.
La parte sospensiva sugli esemplari di Tiger 1200 GT, GT Pro e GT Explorer è costituita da una forcella anteriore Showa con diametro di 49 mm e smorzamento semi-attivo, la corsa raggiunge i 200 mm. Dietro figura un mono-ammortizzatore Showa e la corsa risulta sempre di 200 mm, dotato di smorzamento semi-attivo e regolazione elettronica di tipo automatico del precarico. Sulle versioni Rally Pro e Rally Explorer la corsa è più ampia, raggiungendo i 220 mm.
Su ogni versione l’impianto frenante Brembo Stylema® include un doppio disco flottante anteriore da 320 mm e un singolo disco posteriore da 282 mm. Un impianto dotato di Cornering ABS, considerando anche il lavoro della piattaforma inerziale IMU. Mutano invece le dimensioni e le tipologie dei cerchi delle ruote: alle versioni GT, GT Pro e GT Explorer sono abbinate delle tipologie a razze in alluminio da 19 e 18 pollici che calzano come pneumatici di primo equipaggiamento dei Metzeler Tourance; mentre a Rally Pro e Rally Explorer, data un’indole ancora più esplorativa, sono abbinati degli esemplari a raggi senza camera d’aria da 21 e 18 pollici che calzano gomme Matzeler Karoo Street. Ma risulta previste a libretto anche delle Michelin Anakee Wild.
Il peso in ordine di marcia dei modelli varia dai 240 kg per un esemplare Triumph Tiger 1200 GT ai 261 kg si una versione Rally Explorer.

Motore

Il nuovo propulsore T-plane a tre cilindri da 1.160 cc risulta più leggero e compatto, stesso discorso per il sistema di scarico. La potenza e la coppia sono più pronunciate rispetto al precedente cuore propulsivo, raggiungendo adesso i 150 cavalli a 9.000 giri/minuto e un vertice di coppia di 130 Nm a 7.000 giri/minuto.

Disponibilità

La gamma di esemplari Triumph Tiger 1200 sarà proposta dalla primavera del 2022.

Video: Official Triumph Motorcycles
Foto: Triumph

5/5 - (3 votes)

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati