Sicurezza in moto: scegliere le protezioni corrette

Accessori e attrezzature per viaggiare sicuri e sereni

Sicurezza in moto: scegliere le protezioni corretteSicurezza in moto: scegliere le protezioni corrette

Ogni motociclista sa bene quanto sia importante il fattore sicurezza per affrontare ogni spostamento e ogni viaggio in serenità. Sia che si salga in sella ad una moto per sport o per turismo, in strada o in pista, è fondamentale per il motociclista predisporre della strumentazione necessaria alla propria sicurezza, per non farsi male e ridurre al minimo i rischi in caso di caduta o incidente.

È bene dunque che il motociclista si attrezzi di tutto il necessario per essere protetto il più possibile e preservare la propria incolumità. Oltre all’abbigliamento più appropriato per l’utilizzo di una due ruote, altrettanto importanti sono le protezioni per il motociclista, in grado di ridurre l’alto tasso di vulnerabilità dei centauri, che il più delle volte hanno la peggio in caso di incidente stradale.

Quali sono le protezioni moto? E come si fa a sceglierle? Basta farsi un rapido giro tra le proposte commerciali online come quelle presenti su eBay per accorgersi che esistono diverse protezioni capaci di incrementare il livello di sicurezza del motociclista.

Dando per assodata l’importanza e l’indispensabilità del casco, nonché ovviamente l’obbligatorietà di indossarlo, altrettanto fondamentale è l’utilizzo di alcune protezioni per motociclisti come guanti, giacca, paraschiena e protezioni per le gambe, accessori il cui obbligo è però legato alla potenza della moto.

Nella scelta delle protezioni moto corrette è fondamentale assicurarsi che queste siano omologate e fatte in materiali tecnici e specifici. In questi casi i materiali più diffusi per le protezioni moto sono tessuto e pelle, ognuno dei quali ha costi e capacità protettive differenti. Le protezioni in tessuto costano meno ma hanno meno resistenza agli urti e sono dunque meno efficaci in caso di caduta, mentre quelle in pelle, a fronte di un prezzo più alto, garantiscono una maggiore protezione se si cade sull’asfalto. In ogni caso la scelta sul tipo di materiale delle protezioni va fatta anche in base all’uso che si fa della moto e ai tipi di tragitto e alle strade che solitamente si percorrono.

Per la protezioni delle mani è bene scegliere dei guanti moto che siano resistenti, ma anche comodi. Particolarmente importante è la misura ricordandosi che il guanto non deve far perdere troppo la sensibilità ai comandi avendone un contatto diretto con essi, freni compresi, durante la guida. La giacca e la tuta tecnica, al di là del materiale scelto ma fermo restando la maggiore protezione garantita da quelle fatte in pelle, devono invece privilegiare il comfort. La tuta tecnica va usata se si gira in pista, mentre se si va in strada è preferibile optare per un più pratico due pezzi composto da giacca e pantaloni.

Altra protezione importante per chi va in moto è il paraschiena. Questo può essere di tipo 1 o 2, con il secondo che assicura una protezione maggiore. La scelta del paraschiena, che in ogni caso deve sempre essere omologato, avviene fra tre diverse tipologie disponibili in commercio: Lower, che si limita alla protezione della zona lombare; Back, che protegge la schiena; e Full Back Protector, che assicura il massimo livello di sicurezza proteggendo zona lombare, schiena e scapole. Infine per quanto riguarda le protezioni delle gambe, oltre ai pantaloni tecnici, ai quali si possono aggiungere anche delle pratiche ginocchiere, è bene indossare gli stivali, per i quali è importante prestare adeguata attenzione sia al materiale che alla misura, dovendo offrire sicurezza e comodità.

Leggi altri articoli in Accessori e ricambi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Caschi

Caschi moto: le migliori offerte

Guida all'acquisto per trovare il casco giusto
Uno degli elementi indispensabili per ogni motociclista è il casco. Dispositivo di sicurezza e protezione fondamentale per chi si muove