Ducati Monster: il nuovo modello e le prime impressioni di tre giovani appassionate [VIDEO]

Motore bicilindrico a L, potenza di 111 cavalli

Ducati Monster: il nuovo modello e le prime impressioni di tre giovani appassionate [VIDEO]Ducati Monster: il nuovo modello e le prime impressioni di tre giovani appassionate [VIDEO]

Il nuovo Ducati Monster e tre giovani motocicliste, Chiara, Maria Elena e Stefania, figurano in un filmato proposto da Ducati ed emergono alcune prime considerazioni sulla nuova generazione dell’esemplare.

La moto

Il nuovo modello è caratterizzato da forme compatte e ricercate, distinguibile in particolare da una caratterizzante firma luminosa frontale, come lo sono anche il serbatoio a dorso di bisonte e la coda filante. L’aspetto può essere anche personalizzato con l’adozione di kit adesivi e di vestizione con grafiche. Le tinte associate sono Ducati Red e Dark Stealth con ruote nere, Aviator Grey con ruote Rosso GP e per una marcata sportività si cita una versione Monster Plus dotata di cupolino e cover per la sella del passeggero.
Presenta un quadro strumenti TFT a colori da 4,3 pollici con una grafica sportiva e si evidenzia una predisposizione per Ducati Multimedia System (DMS). Tra le soluzioni: tre Riding Mode, optando tra Sport, Urban o Touring, ABS Cornering, Traction Control, Wheelie Control e anche Launch Control. Funzionale poi una presa USB sotto la sella.

Tecnica e motore

Rispetto ai precedenti modelli con telaio a traliccio, in questo caso figura una struttura Front Frame in lega d’alluminio a cui è associato un motore bicilindrico portante. La massa risulta più contenuta di 4,5 kg rispetto al traliccio con un peso a secco che risulta di 166 kg, circa 20 kg in meno considerando il Monster 821.
Tra gli aspetti caratterizzanti anche i fianchi compatti con una sella posta a 820 millimetri, che può essere portata a 775 mm adottando un accessorio sella bassa e un kit di sospensioni ribassate. Indicato un angolo di sterzata incrementato a 36° (sette in più rispetto al modello 821) e tenendo presente il comfort le pedane risultano riposizionate. Si indicano anche leve regolabili, pompe freno e frizione radiali e frizione idraulica.
Il propulsore è bicilindrico a L Testastretta 11° da 937 cc con distribuzione desmodromica a cui è abbinata una soluzione Ducati Quick Shift Up/Down. Trasmessa una potenza di 111 cavalli a 9.250 giri/minuto e un picco di coppia di 93 Nm a 6.500 giri/minuto.
Una moto studiata anche per chi si sta avvicinando a un esemplare a due ruote, considerando la disponibilità di una versione da 35 kW.

Foto e video: Ducati

Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati