Voi Technology: a Milano quasi 400.000 corse per oltre 850.000 chilometri effettuati

Superati i due milioni di chilometri nelle città italiane dove opera

Voi Technology: a Milano quasi 400.000 corse per oltre 850.000 chilometri effettuatiVoi Technology: a Milano quasi 400.000 corse per oltre 850.000 chilometri effettuati

Un milione di corse e oltre i 2 milioni di chilometri percorsi in un solo anno, nelle sette città in cui propone il proprio servizio. Sono i numeri legati all’attività di Voi Technology a conclusione del 2022. L’azienda svedese, specializzata in micro-mobilità elettrica, ha da poco raggiunto i suoi primi due anni di operatività in diverse città italiane, figurando a Torino, Milano, Rho, Reggio Emilia, Modena, Roma e Palermo. Interessanti i valori indicati per la sola Milano: quasi 400.000 corse per oltre 850.000 chilometri percorsi.

Il modello “15 minuti in Città” e i dati milanesi

L’idea della “Città in 15 minuti” figura come parte della Vision di Voi Technology per dare forma a “Città fatte per essere vissute – a misura d’uomo”. Un concetto divenuto portante nella strategia della multinazionale dal 2019. Fra circa 110 città europee considerate da uno studio Sony CLS, come indicato nell’occasione, Milano figura al 60° posto fra le realtà che si avvicinano maggiormente a questo modello. Dunque è necessario lavorare ancora su questo aspetto.
Le aree che risultano meno provviste di servizi essenziali raggiungibili in 15 minuti a piedi, in base a queste indicazioni, sono: Bovisasca, Vialba, Quarto oggiaro, Musocco, Stephenson, Roserio, Certosa, Gallaratese, San leonardo, Lampugnano, San Siro, Forze Armate, Lorenteggio, San Cristoforo, Barona, Rogoredo, Santa Giulia, Ortomercato, Ortica, Segnano, Niguarda e Dergano. In questi contesti la micro-mobilità elettrica può risultare essenziale nell’integrare il servizio di trasporto pubblico della città e rendere gli spostamenti maggiormente agevoli. In base a uno studio, un tragitto in monopattino richiede 12 minuti di tempo, che diverrebbero 17 minuti in automobile, dato il traffico e il tempo per cercare parcheggio.
Valutato anche l’abbattimento di emissioni legate al traffico. Con circa 400.000 corse su monopattini Voi, tenendo presenti un tempo medio per corsa di circa 12 minuti, una distanza media per corsa di 2,15 chilometri e oltre 800.000 chilometri effettuato, sono stati evitati 53 mila tragitti in auto privata e scongiurati 10,5 kg di PM 2.5 e circa 16 tonnellate di CO2. Un risultato altrettanto raggiungibile piantando in città circa 250 alberi con già 10 anni di vita.

Dati in crescita

I risultati dell’azienda indicano una tendenza in aumento avvenuta lo scorso anno, registrata dall’Osservatorio della Sharing Mobility. Un incremento di corse del 61% nel 2021, rispetto al 2020.
Recentemente, il report Moovit per la mobilità pubblica ha sottolineato che a Milano il 43% dei cittadini impiega almeno due modalità di trasporto pubblico nel medesimo tragitto; il tempo medio di utilizzo del trasporto pubblico in corsa risulta di 43 minuti; il 44% dei milanesi trascorre più di due ore al giorno sui mezzi pubblici e in media aspettano alla fermata per 9 minuti, ma il 26% attende anche per più di 20 minuti.
A questi valori sono sommate le rilevazioni di Voi Technology: circa il 58% delle corse effettuate dall’utenza milanese sui monopattini Voi Technology, nel corso del 2022, hanno integrato un altro mezzo di trasporto. Dunque il monopattino elettrico è sempre più considerato come un veicolo funzionale per rendere più veloci ed efficienti i tragitti quotidiani.
Inoltre, Voi Technology a inizio novembre ha lanciato il suo servizio anche a Rho, altra realtà interessante della Città Metropolitana di Milano e sede del MIND (il Milano Innovation District) e di Fiera Milano, per semplificare i tragitti di primo e ultimo miglio in arrivo e verso Milano ad integrazione delle corse a bordo di mezzi pubblici.

Foto: Voi Technology

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Mobilità elettrica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati