Ducati DesertX: agilità e prestazioni lungo i percorsi di Aspen in Colorado [VIDEO]

Sospensioni a lunga escursione e un cuore da 110 cavalli

Ducati DesertX: agilità e prestazioni lungo i percorsi di Aspen in Colorado [VIDEO]Ducati DesertX: agilità e prestazioni lungo i percorsi di Aspen in Colorado [VIDEO]

Il suono del motore accompagna la progressione di due Ducati DesertX lungo i tratti di Aspen, in Colorado. Nel filmato proposto da Ducati su YouTube, emerge ancora il carattere forte del nuovo modello rivolto agli appassionati che amano viaggiare ed esplorare.

Design minimalista e doti versatili

Nel testo che accompagna il filmato si evidenzia che Aspen rappresenta la sede della presentazione alla stampa in Nord America.
La moto è dotata di fari full LED, caratteristico è il doppio proiettore circolare frontale con moduli poliellissoidali bi-funzione e Daytime Running Light (DRL), così come distintivo è il design del faro posteriore con un sistema Ducati Brake Light, un lampeggio trasmesso in caso di frenata brusca.
Il design, definito dal Centro Stile Ducati, comprende elementi bianchi e scuri con particolari rossi. Connotativo è anche il volume unico che comprende un serbatoio da oltre 21 litri e le protezioni laterali.
La nuova DesertX è dotata di uno schermo TFT da 5 pollici a sviluppo verticale e predisposto per il Ducati Multimedia System. Si può scegliere tra due tipologie di Info Mode: una Standard con le principali informazioni e la Rally con una funzione tripmaster e una schermata che richiama quella delle moto da rally.

I Riding Mode sono sei: Sport, Touring, Urban, Wet e i settaggi specifici per il Riding Mode Enduro e un nuovo Riding Mode Rally a piena potenza e con controlli elettronici attenuati. Le modalità sono combinate con quattro Power Mode: Full, High, Medium e Low.
Il modello può essere personalizzato con l’adozione di accessori Ducati Performance tra cui una sella rally, un serbatoio supplementare da 8 litri da posizionare nella zona posteriore e soluzioni per il trasporto in alluminio.
Dal punto di vista tecnico è presente un nuovo telaio a traliccio in acciaio con sospensioni a lunga escursione. Nella zona anteriore c’è una forcella Kayaba a steli rovesciati e regolabile da 46 millimetri di diametro con un’escursione di 230 mm, dietro invece un forcellone in alluminio con un mono-ammortizzatore sempre Kayaba gestibile in compressione, estensione e precarico. La triangolazione agevola la guida in piedi, tenendo presente anche il comfort nella guida su strada. Si sottolinea una zona di calzata snella con superfici accorpate, considerando anche una posizione sostenuta e una sella imbottita posta a 875 mm da terra. La corsa della ruota posteriore risulta di 220 mm. Il valore della luce a terra raggiunge i 250 mm e il peso a secco ammonta a 202 kg.
Tra gli accessori è presente una sella ribassata, ma può essere adottato anche un kit accessorio di sospensioni ribassate.
L’impianto frenante con funzione ABS Cornering è formato da un doppio disco anteriore di 320 mm con flange in alluminio e pinze radiali monoblocco Brembo M50 a quattro pistoncini da 30 mm, oltre a una pompa assiale con leve regolabili. Alle spalle figura sempre una soluzione Brembo, in questo caso un disco da 265 mm di diametro abbinato a una pinza flottante a doppio pistoncino.
La ruota anteriore è da 21 pollici, mentre quella posteriore da 18 pollici che calzano pneumatici Pirelli Scorpion Rally STR di primo equipaggiamento da 90/90-21 e 150/70 R18.

La moto è animata da un evoluto cuore Testastretta 11° da 937 cm³ raffreddato a liquido e con distribuzione desmodromica. La potenza tocca i 110 cavalli a 9.250 giri/minuto e la coppia 92 Nm a 6.500 giri/minuto. Il cambio è contraddistinto da rapporti dedicati e diversi rispetto a quelli della Ducati Multistrada V2. L’esemplare può essere ordinato anche in versione depotenziata da 35 kW.

Video e foto: Ducati

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati