Ducati Monster: in vista della presentazione del nuovo modello

Verso il 2 dicembre 2020

Ducati Monster: in vista della presentazione del nuovo modelloDucati Monster: in vista della presentazione del nuovo modello

Disegni e foto di qualche particolare anticipano, tramite le pagine social legate a Ducati, il debutto online della nuova generazione di Monster.

Indiscrezioni e rumors

Qualche tratto, qualche particolare, via social si richiama l’attenzione verso la presentazione di un’altra novità di spicco del brand, dopo la Multistrada V4 già mostrata lo scorso 4 novembre. Ricordando le sofisticate peculiarità della tecnologia enduro, anche qui si potrebbe assistere a un’evoluzione di paradigma. Aspetti progettuali e tecnici ridefiniti, tenendo presenti i rumors e le indiscrezioni affiorate su diverse testate specializzate nel periodo più recente.
L’appuntamento del prossimo 2 dicembre è fissato per le ore 19:00, in occasione del quinto e ultimo episodio della serie trasmessa online e dedicata alle novità Ducati per il 2021.

Non figurerebbe più un telaio a traliccio, bensì sarebbe stato impiegato un nuovo telaio monoscocca in lega d’alluminio. Soluzione che dovrebbe sfruttare il motore come elemento portante, replicando quanto già avviene su Panigale e anche su Multistrada. Un elemento inedito che distinguerebbe questa dalle precedenti generazioni, dopo oltre 30 anni. Questa evoluzione sarebbe legata a un’estetica sempre muscolosa ma allo stesso più snella e profilata, avanzando un’ipotesi in base ai disegni proposti da Ducati via social.
Oltre alle accennate indiscrezioni sul telaio, l’esemplare potrebbe essere equipaggiato con un nuovo motore. Un cuore Euro 5 imparentato con quello presente sulla Ducati Hypermotard 950, ovvero un bicilindrico a L Testastretta 11° da 937 cc che può trasmettere 114 cavalli di potenza a 9.000 giri/minuto e 96 Nm di coppia a 7.250 giri/minuto. Al momento è comunque doveroso usare il condizionale, in attesa della presentazione.

Immagini: Ducati

Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati