Triumph Trident 660: nuova roadster con cuore a tre cilindri [FOTO E VIDEO]

Una spinta di 81 cavalli, anche depotenziabile per A2

Presentata la nuova Triumph Trident 660, una roadster di media cilindrata animata da un propulsore a tre cilindri.

Estetica

Lo stile, definito grazie alla collaborazione con il designer Rodolfo Frascoli, appare contemporaneo e ricercato, con accenni sportivi e richiami alla tradizione siglata Triumph. Un connubio tra minimalismo e sportività non estremizzata, espressa tramite gli elementi scolpiti e i tratti tesi o raccordati. Si elencano particolari in alluminio, dai foderi forcella al manubrio in alluminio con retrovisori che propongono una forma a goccia, quindi curati fianchetti a protezione del radiatore. Interessante la scelta di incorporare con armonia il model name “Trident” assieme all’ampio logo del costruttore impiegato come un peculiare tratto grafico. Si notano anche altri loghi integrati nel fanale anteriore e in quello retrostante, oltre a essere visibili sul tappo del serbatoio machined e all’interno del layout grafico del quadro strumenti. Lateralmente, all’altezza del serbatoio, figura un badge “Trident” sviluppato in alluminio con dettagli “diamond machine”.
Uno stile reso particolarmente connotativo anche da un nuovo serbatoio da 14 litri, dal forcellone retrostante che comprende il sostegno al portatarga arricchito da indicatori direzionali, dalle forme definite nella zona delle ginocchia e anche da ruote in alluminio con peso contenuto da 17 pollici, caratterizzate da cinque razze e rivestite con gomme di primo equipaggiamento Michelin Road 5.
Si elencano quattro livree: Sapphire Black (ipotizzando un successiva personalizzazione adottando decalcomanie Diablo Red e Jet Black; Crystal White (una tinta che ne accentua l’eleganza, citando anche in questo caso le accennate decalcomanie Diablo Red e Jet Black); Silver Ice & Diablo Red (con un costo aggiuntivo di 100 euro come indicato, caratterizzata da una base in Silver Ice dettagli in Diablo Red con logo Triumph sul serbatoio) e Matt Jet Black & Matt Silver Ice (sempre con un costo aggiuntivo di 100 euro, che rappresenta una veste più grintosa e brunita arricchita da un ampio logo Triumph sul serbatoio. Si segnalano anche 45 accessori per rendere ancora più distintivo l’esemplare, inserendo ad esempio parabrezza, paramotore, manopole riscaldate, specchietti bar-end, una soluzione Triumph Shift Assist up-&-down e altre opzioni collegate al trasporto di bagagli. Accessori garantiti due anni senza limiti di chilometraggio, come segnalato.

Caratteristiche tecniche

Dimensioni contenute e funzionali, altezza della sella ridimensionata a quota 805 millimetri e peso in ordine di marcia contenuto a 189 kg, sono alcuni fattori cruciali della nuova Trident 660. Presenta un telaio in tubi di acciaio ridefinito abbinato a un pacchetto di sospensioni Showa. Davanti figura una forcella Showa upside down con funzionalità separate ed escursione di 120 mm, mentre dietro un mono ammortizzatore Showa di tipo monoshock regolabile nel precarico, con un’escursione massima di 133,5 mm, riprendendo ancora le informazioni.
Il sistema frenante prevede soluzioni Nissin con sistema ABS: un impianto a 2 pistoncini associato a 2 dischi da 310 mm di diametro nella zona anteriore e uno con pinza singola abbinata a un disco nella parte posteriore.

Tecnologia

Caratterizzante il nuovo proiettore frontale a LED di tipo circolare da sette pollici e specifico per il modello, arricchito dal logo Triumph nella sezione interna della parabola. Peculiare anche il fanalino posteriore integrato nella sezione del codino, sempre LED e dotato di logo Triumph. Anche gli indicatori direzionali sono di tipo LED con funzione di disattivazione automatica. Sono proposti anche in variante scrolling con attivazione progressiva nel catalogo accessori. È possibile dotare il modello anche di manopole riscaldabili, impianto di allarme e presa USB sotto la sella.
La nuova roadster dispone di una strumentazione digitale che prevede un display TFT a colori e uno LCD “white-on-black”. Quando associata al sistema accessorio My Triumph Connectivity System, la strumentazione può consentire una navigazione turn-by-turn, con interfaccia di comando della GoPro e dello smartphone tramite connessione Bluetooth e blocchetti elettrici a manubrio.
Il pacchetto elettronico comprende due riding mode, ride-by-wire e controllo di trazione disattivabile. Il carattere del mezzo è legato alle modalità di guida “Road” e “Rain” attraverso azioni sulla curva di erogazione e sui parametri di intervento del controllo di trazione. A sua volta associato anche alla presenza di un acceleratore di tipo ride-by-wire. Inoltre le prestazioni sono gestibili anche grazie a un controllo di trazione con modalità di intervento differenziate e integrate a fronte dei citati riding mode ed escludibile tramite il dashboard di bordo.

Motore

Il cuore a tre cilindri da 660 cc comprende 67 componenti evolute. Un frazionamento che offre una spinta ai bassi simile a quella di un bicilindrico e la progressione agli alti di un esemplare a quattro cilindri. La potenza massima risulta di 81 cavalli a 10.250 giri/minuto e oltre il 90% della coppia massima disponibile lungo la maggior parte del contagiri, toccando un vertice di 64 Nm a 6.250 giri/minuto.
Per essere guidata da possessori di patente A2, è proposto un kit in postmontaggio che include un set up elettronico dedicato. Il picco di potenza massima in questo caso raggiunge 47,8 cavalli a 8.750 giri/min con una coppia di 51 Nm a 5.250 giri/min, come segnalato. Un’operazione reversibile in concessionaria.
Il cuore è abbinato a un cambio a sei velocità con rapporti interni e trasmissione finale specifici. Citata anche una nuova frizione anti-saltellamento. Disponibile tra gli accessori un cambio Triumph Shift Assist bidirezionale. Infine si segnala un nuovo terminale compatto e collocato in basso.

Proposta e prezzo

La nuova Triumph Trident 660 è prospettata nelle Concessionarie Triumph Motorcycles da fine gennaio 2021. Disponibile partendo da 7.995,00 euro f.c., si indicano una garanzia illimitata di due anni estendibile a quattro anni con il programma Triumph Just Ride e intervalli di manutenzione a 10.000 miglia/16.000 km.

Video: Official Triumph Motorcycles
Foto: Triumph Motorcycles

Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati