Suzuki GSX-R1000R Anniversary: ricordando il 100° anniversario [FOTO E VIDEO]

Livrea caratterizzante, in vendita da ottobre

Un curato accostamento di blu e argento ardesia, rievocando le prime Suzuki da competizione degli anni ’60. Una veste che richiama quella delle GSX-RR del Team Ecstar in MotoGP. La Suzuki GSX-R1000R Anniversary rappresenta una spumeggiante dedica.

Tradizione costruttiva e sportiva

Sono trascorsi cento anni dalla fondazione della Suzuki Loom Manufacturing Co., realtà industriale legata alla storica Suzuki Loom Works dove nel 1909 Michio Suzuki iniziò a realizzare telai tessili. Una società già in crescita prima della Guerra Mondiale e ampliatasi tra gli anni ’50 e ’60. La produzione di motociclette partì nel 1952 con il lancio della Power Free e due anni si mutò la ragione sociale in Suzuki Motor Co. Ltd., entrando poi anche settore automobilistico con la realizzazione della Suzulight risalente al 1955. Altro campo produttivo quello dei motori fuoribordo Il primo esemplare è stato commercializzato nel 1965.
Interessante anche il lato sportivo della casa di Hamamatsu. Un impegno lungo gli anni nelle competizioni a due ruote sia in pista, sia nel motocross. Tra i celebri talenti si ricordano nomi come Barry Sheene e Kevin Schwantz. In bacheca ben dodici titoli nel Mondiale Endurance a squadre, tredici successi nel Campionato AMA Superbike e diversi trionfi alla 24 Ore di Le Mans e al Bol d’Or.
Suzuki ha realizzato nel tempo diversi esempi iconici del panorama motociclistico. Considerando la gamma GSX-R, come ad esempio la GSX-R750F del 1985 e successive, così come la GSX-R1000 K1 del 2001. Tra le più rappresentative si segnalano anche: GT750, GSX1100S Katana e RGV250. Indimenticata poi la Hayabusa del 1999, soprattutto per le sue funamboliche prestazioni.

Il modello

La Suzuki GSX-R1000R sintetizza il carattere sportivo del marchio, considerando i successi in diverse manifestazioni agonistiche. Una moto che presenta soluzioni interessanti.
Si evidenziano una forcella Showa BFF, una piastra superiore più leggera e un’asola nel telaio che consente di variare la posizione del pivot in funzione della messa a punto.
Di serie un pacchetto completo di sistemi elettronici con controllo elettronico della trazione gestibile su 10 livelli, ABS con funzione cornering, launch control e quickshifter bidirezionale con auto-blipper.
Segnalato anche un sistema di fasatura variabile delle valvole SR-VVT (Suzuki Racing-Variable Valve Timing) con livelli di potenza e coppia che raggiungono rispettivamente 202 cavalli e 118 Nm.

Video: Suzuki Global
Foto: Suzuki

Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati