BMW Motorrad: R 18, Eugene Laverty, Tom Sykes e il mondo Heritage del marchio bavarese [FOTO E VIDEO]

Una visita a Monaco di Baviera

Tradizione, storia, cultura tecnica, estetica e passione. Nel filmato in cui figurano tra i protagonisti i piloti del BMW Motorrad WorldSBK Team, si parla della nuova BMW R 18, di Heritage BMW ed emergono testimonianze di un’interessante e variegata storia costruttiva.

R 18 e il mondo Heritage

I piloti Eugene Laverty e Tom Sykes notano l’esperienza in campo automobilistico e motociclistico del marchio tedesco. Il primo di una serie di episodi, da quanto emerso, collegati alla storia di BMW e BMW Motorrad. Nel 2020 si ricorda anche il centenario del motore boxer. La medesima architettura che anima l’accennata e recente R 18. Tra gli aspetti interessanti, BMW Group Classic è presente nelle stesse aree dove è stato sviluppato il primo motore boxer BMW cento anni fa.

La nuova cruiser

Il “Big Boxer” raffreddato ad aria di 1.802 cc della BMW R 18 risulta il più potente di questo tipo su un esemplare a due ruote sviluppato dal marchio. La potenza ammonta a 91 cavalli (67 kW) raggiunta a 4.750 giri/minuto e da 2.000 a 4.000 giri/minuto si segnalano oltre 150 Nm di coppia. Spinta da rapportare a un peso in ordine di marcia di 345 kg, riprendendo le informazioni. L’altezza standard del sedile risulta di 690 mm, il serbatoio può contenere 16 litri di carburante.
Il telaio in acciaio è definito da una struttura a doppia culla con giunti saldati tra i tubi in acciaio e parti fuse o forgiate. Si notano una forcella telescopica con copri forcella e una soluzione Cantilever posteriore con asse incorporato, proponendo l’effetto di un telaio rigido. Un quadro più ampio è presente in un precedente articolo, così come è altrettanto interessante l’interpretazione R 18 Dragster mostrata recentemente.

Foto e video: BMW Motorrad

Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati