BMW R 18 Dragster: una grintosa interpretazione secondo Roland Sands [FOTO E VIDEO]

Modifiche e peculiarità

Il cuore boxer in evidenza, le linee tese, i contrasti cromatici e le modifiche mirate appaiono caratterizzanti, osservando la BMW R 18 Dragster. Un’interpretazione plasmata da Roland Sands e il suo team.

La creazione

L’opera ultimata in circa tre mesi e mezzo e dopo l’assemblaggio è stata portata una giornata in pista, come emerso.
Si è lavorato sul concetto di BMW R 18, la nuova custom bavarese spinta da un poderoso boxer bilindrico 1.800 cc. Una visione sportiva e pensata per correre sul dritto, con una peculiare impronta sportiva e una finitura in blu metallizzato doppio tono con strisce di colore bianco classico BMW poste da Chris Wood.
Tutto è partito da una bozza, come raccontato, valutando assetto e geometrie del mezzo. Funzionale anche l’elevata personalizzazione della nuova R18, potendo rimuovere ad esempio la zona posteriore, oppure intervenendo su altre componenti o sulle stesse finiture, adottando vernici caratterizzanti.
Interessante anche la parte elettronica, tenendo presenti le modifiche e l’impiego di protossido di azoto, oltre all’eliminazione dell’originario sistema di scarico con un impianto a doppio terminale in acciaio inossidabile realizzato a mano. Il team di lavoro, secondo le indicazioni, ha comunque mantenuto le geometrie del mezzo, rimuovendo la zona retrostante con una posizione di guida sagomata e pronta ad accogliere un pilota. Altri interventi riguardano il parafango anteriore e posteriore, in linea con le modifiche al telaio.

Componenti

Assieme a questa R 18 Dragster, Roland Sands ha anche realizzato due diverse collezioni di componenti in alluminio fresato per il lancio della R 18: “Machined” e “2-Tone-Black”. Si indicano ruote anteriori e posteriori di diverse dimensioni, alloggiamenti per tachimetro, elementi di rivestimento per l’alloggiamento del motore, coperchi del silenziatore di aspirazione, impugnature per manubrio, leve, morsetti per manubrio, riser, specchietti, tappi di riempimento e altro.
Per la BMW R 18 Dragster, sono state impiegate parti fresate della collezione “2-Tone-Black”, tra leve, coprivalvole, faro, indicatori, piastra pettorale e ruote. La forcella anteriore è stata ripresa dalla BMW R nineT, l’impianto frenante anteriore dalla BMW S 1000 RR mentre il sedile e lo scarico sono stati realizzati da zero.

La BMW R 18

Una nuova cruiser collegata alla tradizione di BMW Motorrad, considerando lo stesso design, ripensando alla storica BMW R 5 ed essenzialità concettuale attorno a un nuovo possente “Big Boxer”.

Foto e video: BMW Motorrad

Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati