Bosch Help Connect: un sistema di chiamata d’emergenza nel panorama delle due ruote [FOTO]

Una chiamata automatica può ridurre le tempistiche sino al 50%

Introdotto come “un angelo custode digitale”, Help Connect sviluppato da Bosch rappresenta un sistema di chiamata d’emergenza per motociclisti che ottimizza e velocizza il processo di soccorso in caso di incidente, tramite connessione digitale.

Ricerca e soluzioni

Help Connect è frutto di una collaborazione tra il dipartimento di sviluppo e la ricerca sugli incidenti dell’azienda. Harald Kroeger, membro del Board di Bosch, sottolinea nell’occasione come prima dello sviluppo sia necessario studiare gli aspetti critici e, proprio la valutazione dei dati reali riguardanti gli incidenti che interessano i motociclistici, è uno degli elementi che spinge a innovare sul fronte della sicurezza. Un’ottimizzazione del sistema di chiamata d’emergenza automatica con ben 18 crash test specifici, per osservare e analizzare gli scenari e verificarne la funzionalità.
Massimizzare la sicurezza dei motociclisti è un tema centrale da diversi anni per Bosch, partendo dall’ABS introdotto sulle moto già da 25 anni, quindi il Motorcycle Stability Control (MSC) del 2013. Ma anche innovazioni di assistenza basati su radar, come ad esempio l’Adaptive Cruise Control, il Forward Collision Warning e il Blind Spot Detection, arricchiscono il quadro.

Una panoramica del sistema

In base alle stime, il rischio che i motociclisti possano perdere la vita in un incidente risulta 20 volte più alto rispetto a quello corso dagli automobilisti. Il citato sistema di chiamata d’emergenza connesso è legato a un algoritmo intelligente installato all’interno della piattaforma inerziale per accertare possibili incidenti e, nel caso, si attiva automaticamente. Help Connect è associato a un’App che dallo smartphone invia informazioni inerenti al motociclista e al luogo dell’incidente al Bosch Service Center, quindi questo attiva subito i soccorsi. In base alle indicazioni: “Un messaggio automatico di questo tipo dimezza il tempo di arrivo dei soccorritori sulla scena dell’incidente (Fonte: EU project Harmonised eCall European Deployment, I_HeERO).”
Si sottolinea dunque la funzionalità di un sensore inerziale del Motorcycle Stability Control (MSC) di Bosch, che rileva l’accelerazione e la velocità angolare 100 volte al secondo. Questo può verificare progressivamente la posizione della moto e il suo angolo di inclinazione. L’algoritmo di collisione integrato, poi, consente al sensore di riscontrare automaticamente il coinvolgimento del mezzo in un incidente o una caduta, riprendendo ancora le informazioni. Il sistema, come indicato, non prevede un’unità di controllo supplementare, semplificando l’integrazione. È collegato via Bluetooth all’App di emergenza di Bosch. Anche altre App possono essere integrate. Help Connect, riprendendo ancora quanto segnalato, può inviare i dati medici forniti originariamente dal motociclista al Bosch Service Center, importanti soprattutto per gli operatori del pronto soccorso e su richiesta, in caso di incidente, possono essere contattate automaticamente altre persone.
Il servizio risulterà operativo inizialmente dalla Germania, potendo comunicare con il Bosch Service Center in tedesco o in inglese da qualsiasi realtà d’Europa. Nel caso in cui l’incidente sia piuttosto serio e il motociclista non possa rispondere, i soccorritori saranno immediatamente indirizzati sul luogo del fatto, come indicato.

Foto: Bosch

Leggi altri articoli in Accessori e ricambi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Mobilità elettrica

Doppia novità in casa Niu: N-GT e M+

N-GT ha due batterie rimovibili agli ioni di litio da 60V36Ah e ricaricabili in 3 ore e 30, è in grado di raggiungere una velocità massima di 70 km/h per un’autonomia superiore ai 130 km
Niu, il marchio di smart scooter elettrici, ha annunciato il lancio di due modelli realizzati ad hoc per il mercato