Sidi Atojo: una versione pitonata limited edition pensata per l’off-road

Un ritorno agli anni '70

Sidi Atojo: una versione pitonata limited edition pensata per l’off-roadSidi Atojo: una versione pitonata limited edition pensata per l’off-road

Un look animalier lo rende distinguibile. Nello specifico una peculiare, riconoscibile, caratterizzante veste pitonata legata a questa limited edition dello stivale Sidi Atojo, evidenziata nell’occasione.

Lo stivale

Atojo è uno prodotto sviluppato considerando le esigenze dei fuoriclasse impegnati nelle competizioni fuoristrada. Nella fase di realizzazione, ad esempio, è stato prezioso il contribuito di Alessandro Lupino, Tony Cairoli e Jorge Prado, ottimizzando la tecnologia Sidi con preziosi suggerimenti sino a definire uno stivale performante per l’attività in off-road, come indicato.
Traendo spunto dalle nuove tendenze, questa limited edition di Sidi Atojo veste un’altra “pelle” in stampa pitonata, per coloro che cerchino un modello esclusivo.
Un aspetto allineato alle caratteristiche del modello, strutturato per un feeling ottimizzato in sella e una funzionale sensibilità. La tomaia risulta plasmata in Technomicro resistente ad acqua, abrasioni e lacerazioni, una soluzione indicata per la manutenzione e la pulizia. Il sistema di chiusura, poi, è composto da tre leve a gestione indipendente, considerando un maggior comfort, oltre a tre sistemi anti-ipertensione del piede, in particolare quello legato al frontale, con un’innovativa concezione per un determinato ventaglio di pressione della tibia e bloccaggio in caso di piegamento eccessivo, come indicato.
Parlando sempre di sicurezza e protezione, si cita un frontale in PU anatomicamente sagomato che giunge fin sotto la tomaia e un inserto in nylon che può essere sostituito per coprire il metatarso. Infine, la punta è completamente avvolta da una protezione geometrica in plastica favorendo anche il grip, riprendendo ancora le indicazioni.

Immagine: Sidi

Leggi altri articoli in Abbigliamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati