Honda: un tour virtuale nella “Honda Collection Hall” [FOTO]

Oltre 300 esemplari del costruttore

Auto, moto e altre realizzazioni della casa giapponese, in una collezione esplorabile da remoto a 360°

Un museo situato nel circuito giapponese di Twin Ring Motegi racchiude la più vasta collezione di prodotti siglati Honda. Un’esposizione di oltre 300 esemplari. Si tratta della “Honda Collection Hall” (HCH) e i modelli possono essere osservati adesso online attraverso un tour virtuale a 360°.

Informazioni

Ci si può collegare alla pagina: https://www.honda.com/collection-hall-gallery e consultare la storia del costruttore conoscendo le auto, le moto, i “prodotti power” e gli esemplari da competizione.
Honda Collection Hall consente di avere un quadro sulle origini del marchio, utilizzando la tecnologia.
Una storia che parte dagli anni ’40 grazie a Soichiro Honda. Installa il motore di un generatore per radiotrasmittenti sulla bicicletta della moglie, per favorire gli spostamenti. Nel 1946 elabora questo concetto e inizia a vendere motori dotati di serbatoio, acceleratore, cavi e componentistica da collegare a qualsiasi modello di bicicletta. E questa soluzione diventa nota come Motore Honda per biciclette. Nel 1948, appena due anni dopo, Soichiro fonda Honda Motor Company.

Tre livelli

Inaugurato al compimento del 50° anniversario di Honda, nel 1998, il museo è stato sviluppato per far avvicinare gli interessati al mondo di Honda e a ciò che ha ispirato la produzione. L’iniziativa evidenziata nell’occasione è stata presa “per regalare a chiunque la possibilità di ammirare in modo inedito la collezione del Motegi e rendere ancora più piacevole la permanenza in casa”, considerata l’attuale emergenza.
Un tour virtuale che offre la sensazione di entrare realmente negli ambienti e scoprire o riscoprire la storia della casa, tramite gli esemplari più rappresentativi nell’arco di poco più di settant’anni. È possibile esplorare i tre piani del museo e le opere preseti, comodamente dalla propria abitazione.
Nello specifico, il secondo piano include l’area nella quale sono presenti le auto, le moto e prodotti power. Ad esempio la prima “sportiva compatta” a quattro ruote, la S500 risalente al 1963, ma anche altri modelli iconici come Prelude, NSX e Civic, con un prospetto sull’evoluzione del settore automobilistico nel Paese del Sol Levante. In particolare si possono osservare anche le mini-car o kei-car, che hanno e continuano a riscuotere un discreto interesse in Giappone. Figurano anche modelli storici e rappresentativi come Honda N360, la prima mini-car in serie partendo dal 1967, mentre sul versante moto non manca la mitica CB750, primo esemplare a due ruote con unità a quattro cilindri realizzata in serie e il modello NR con pistone ovale, come ricordato.
Al terzo piano la cosiddetta “anima racing” di Honda, in cui sono presenti le monoposto, le GT e le moto da competizione legate al costruttore. Tra i più rappresentativi spiccano la moto a sei cilindri RC166 vincitrice in numerose occasioni nel leggendario Tourist Trophy dell’Isola di Man con Mike Hailwood e l’indimenticabile McLaren – Honda guidata da Ayrton Senna.

Foto: Honda

Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati