Ducati Streetfighter V4: un incontro dedicato in diretta streaming il 25 marzo 2020

In programma dalle ore 18:30

Tramite il sito del costruttore e i canali social, un appuntamento sul web con i tecnici e gli ingegneri che hanno dato forma al nuovo modello con motore V4
Ducati Streetfighter V4: un incontro dedicato in diretta streaming il 25 marzo 2020Ducati Streetfighter V4: un incontro dedicato in diretta streaming il 25 marzo 2020

L’introduzione del nuovo Ducati Streetfighter V4 è stata rimarcata dall’espressione “The Fight Formula”, una particolare alchimia che contraddistingue la grintosa naked realizzata dagli specialisti di Borgo Panigale. Una “ricetta” protagonista in occasione di un incontro via streaming, previsto per il 25 marzo 2020 alle ore 18:30 sul sito e i canali social legati al costruttore.

Il modello

Tratti rastremati, secchi, incisivi. Un esemplare, come accennato, collegato a una specifica “Fight Formula”, ossia l’unione tra un’impostazione rastremata e privata di carene rispetto a una Panigale V4; ali biplano funzionali a fronte della roboante spinta espressa dal propulsore V4 e sistemi elettronici di ultima generazione.
Un esemplare subito riconoscibile dalla firma luminosa dei gruppi ottici frontali full-LED, un manifesto di una propensione sportiva e vigorosa. Un richiamo della V4, ma anche un citato riferimento al Joker, noto personaggio dei fumetti. Il motivo a V di tipo DRL rimarca questa peculiare impostazione.
Il modello presenta un telaio Front Frame che abbraccia un motore Desmosedici Stradale V4 da 1.103 cc che genera una spinta massima di 208 cavalli a 12.750 giri/minuto e 123 Nm di coppia a 11.500 giri/minuto, da rapportare a per un peso a secco di 178 kg valutando la versione S (180 kg il modello V4). Adottando un terminale di scarico racing Ducati Performance by Akrapovič la spinta, poi, può raggiungere i 220 cavalli e la coppia i 130 Nm, come indicato. Diversi anche gli accessori abbinabili.
Tra gli aspetti di rilievo anche una panoramica di sistemi elettronici accostati a una piattaforma inerziale a sei assi, un manubrio sollevato ed esteso che assieme a una sella larga e accogliente posta a 845 mm da terra e a sospensioni pensate per favorirne l’impiego su strada, come anticipato, risultano tutti fattori funzionali per comfort e dinamismo complessivo.

Foto di repertorio

Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati