Confindustria ANCMA, moto e scooter Euro 4 potrebbero restare invenduti nei magazzini

Possibile rischio di numerosi veicoli non commercializzati

In un comunicato, da Confindustria ANCMA, si sottolinea il potenziale rischio di permanenza nei magazzini di numerosi veicoli a due ruote Euro 4, che potrebbero restare invenduti a fine anno, alla luce dell'attuale emergenza legata al Coronavirus COVID-19 e alla transizione verso motorizzazioni Euro 5
Confindustria ANCMA, moto e scooter Euro 4 potrebbero restare invenduti nei magazziniConfindustria ANCMA, moto e scooter Euro 4 potrebbero restare invenduti nei magazzini

Potrebbero restare invenduti numerosi esemplari di moto e scooter Euro 4, valutando l’attuale contenimento dell’emergenza sanitaria collegata al COVID-19 ma anche la concomitanza della transizione tra Euro 4 e Euro 5. La riflessione arriva da Confindustria ANCMA, relativa a un possibile scenario su questo fronte.

Possibili prospettive

Paolo Magri, Presidente di Confindustria ANCMA (Associazione Ciclo, Motociclo e Accessori), tramite un comunicato diffuso, sottolinea l’attuale effetto sulle vendite a fronte del decreto adottato lo scorso 11 marzo, con la sospensione dell’attività commerciale di rivenditori di veicoli a due ruote, sottolineando il senso di responsabilità attuato per contenere l’emergenza sanitaria in corso. A tale blocco, però, bisogna sommare anche la transizione tra le motorizzazioni Euro 4 ed Euro 5, “disciplinata dal Regolamento europeo 168/2013”. Una disposizione che prevede: “a partire dal 1° gennaio 2021, infatti, non sarà più possibile immatricolare ciclomotori e motocicli Euro 4, salvo quelli ammessi dalle deroghe di fine serie normalmente previste dalle direttive comunitarie per aiutare i costruttori a smaltire gli stock”, si apprende sempre dal comunicato.
Proprio l’attuale chiusura dei rivenditori, data l’emergenza, non aiuta al momento la possibile vendita di tutti i mezzi omologati Euro 4 e ne consegue un possibile “anomalo accrescimento” di veicoli permanenti in magazzino, come indicato ancora, con numerosi veicoli fermi e potenzialmente invendibili a fine anno.
Tale riflessione necessita di immediate “soluzioni emergenziali per rispondere a una situazione eccezionale, che potrebbe tradursi nei prossimi mesi in un danno importante per le aziende del settore: in particolare, riteniamo necessario pensare a un rinvio di almeno sei mesi della scadenza delle immatricolazioni Euro 4 e chiediamo quindi al Governo italiano di farsi promotore di questa richiesta anche presso le competenti sedi europee”, la proposta avanzata nell’occasione.

Foto di repertorio

Leggi altri articoli in Mercato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati