Qooder: test su veicoli elettrici a Vallelunga per portalettere e autisti di Poste Italiane

Verifica di un possibile impiego nella flotta

Un'ampia prova sul tracciato laziale che ha visto impegnati addetti di Poste Italiane in sella a veicoli del brand elvetico
Qooder: test su veicoli elettrici a Vallelunga per portalettere e autisti di Poste ItalianeQooder: test su veicoli elettrici a Vallelunga per portalettere e autisti di Poste Italiane

All’autodromo di Vallelunga è avvenuto un test su veicoli Qooder a cui hanno preso parte autisti e portalettere di Poste Italiane, per saggiare le caratteristiche di esemplari elettrici a tre e quattro ruote, come segnalato.

La prova

L’azienda, per il rinnovo del proprio parco mezzi, considera una politica di sostenibilità maggiormente compatibile con l’ambiente e il comparto automotive risulta attivo proprio in questo ambito, studiando e sviluppando veicoli sempre più efficienti. Poste Italiane mira ad abbattere del 40% le emissioni di CO2 entro il 2022, riprendendo ancora le indicazioni in merito. La flotta della società comprende 32.500 unità tra automezzi, motoveicoli, furgoni e mezzi di servizio, la più estesa d’Italia e una delle più corpose del Vecchio Continente.
Il test sull’asfalto di Vallelunga, come emerso, era finalizzato alla verifica di un potenziale impiego dei mezzi Qooder di nuova generazione all’intero della flotta di Poste Italiane. Tra gli aspetti interessanti anche la variegata gamma di mezzi elettrici proposti dal brand svizzero, tenendo presente ben tre modelli inediti alimentati a batteria e legati alla strategia “Advanced Mobility Solutions”, come ricordato.
Una panoramica che include il quattro ruote eQooder e il tre ruote QVe, rispettivamente da 60 cavalli e 110 Nm di coppia e da 46 cavalli e 106 Nm di coppia, nonché lo scooter Oxygen. Funzionale anche l’affinamento sul peso complessivo, una differenza non così marcata tra i modelli a propulsione tradizionali e quelli elettrici, alla luce di un dato superiore del 5% parlando di eQooder e del 3% passando al QVe, sempre come segnalato. In rapporto a un deciso aumento di potenza. Previste anche soluzioni come retromarcia e sistema di frenata rigenerativa, quindi un’autonomia stimata di 150 km, parlando del mezzo a quattro ruote, oppure 110 km passando a quello a tre ruote, considerando sempre le informazioni.

Foto: Qooder

Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati