Suzuki: selezionata Main Sponsor della HAT Series 2020 [FOTO]

La nota stagione di eventi Adventouring

Segnalati anche test ride per cogliere le qualità della nuova V-Strom 1050 XT

Suzuki, scelta come Main Sponsor dall’organizzazione della HAT Series per l’anno 2020, diventa una costante nel corso degli eventi di Adventuring e mototurismo della stagione. Una partnership che consente anche di far cogliere meglio le caratteristiche della nuova Suzuki V-Strom 1050 XT, come segnalato.

Il format

Si prospettano manifestazioni tra la metà di maggio e i primi giorni di settembre, spaziando in diverse tappe. La serie è rivolta a coloro che sono in possesso di esemplari spinti da unità monocilindriche e pluricilindriche, il cui peso oltrepassa i 150 kg. Ulteriori informazioni sono proposte sul sito www.hatseries.com, considerando costi, logistica e itinerari.
Tre gli appuntamenti italiani segnalati nell’occasione: HAT Pavia – Sanremo dal 15 al 17 maggio, adatto a coloro che desiderino avvicinarsi all’Adventouring con due itinerari Classic (medio-facile) e Discovery più semplificato; HAT Sestriere Adventourfest tra 26 e 28 giugno alla seconda edizione con varie tipologie di tratti ad alta quota e anche in notturna, in occasione della HAT Mooride, inoltre nell’occasione Suzuki sarà al Village allestito segnalando l’opportunità di test in sella ai principali modelli tra cui la citata V-Strom 1050 XT; quindi HAT Sanremo – Sestriere tra 4 e 6 settembre, altrettanto conosciuta come HardAlpiTour e giunta alla dodicesima stagione, divenuta nel tempo il “più grande evento Adventouring d’Europa” data la diversità di itinerari lunghi e impegnativi, valutando anche l’opzione Extreme per i più esperti.
Citato anche il nuovo evento oltre confine HAT Master Balkans, dal 10 al 18 ottobre, su un itinerario di circa 2000 km da Trieste a Tirana per 50 piloti selezionati con l’introduzione del Master Challenge che implementa delle sfide all’interno della formula turistica. Per i migliori previsto il titolo di Master of Adventouring, come indicato.

La Sport Enduro Tourer di Hamamatsu

Il nuovo esemplare, con rimandi estetici peculiari, presenta un’articolata panoramica di soluzioni tecnologiche legate al citato “sistema di controllo elettronico intelligente e automatico” (Suzuki Intelligent Ride System). Si indicano dispositivi come: “FrenaInPiega” (Motion Track Brake System) che sostiene in fase di arresto, sviluppato con l’integrazione di una nuova piattaforma inerziale IMU Bosch; “FrenaSicuro” che comprende Slope Dependent Control System e Load Dependent Control System, funzionale nei tratti in discesa data l’azione di elettronica e ABS e “PartiFacile”, ossia un Hill Hold Control System prezioso nelle partenze in salita. Tra gli altri anche Traction Control su tre livelli di intervento e disattivabile; Ride by Wire a gestione elettronica; Suzuki Drive Mode Selector con tre diversi programmi di erogazione e Cruise Control attivabile tra i 50 e i 160 km/h partendo dalla quarta marcia.
Osservandola, si notano accenni all’iconica DR-Big, in particolare la parte frontale. La nuova Suzuki V-Strom 1050 XT è spinta da un propulsore bicilindrico a V che genera 107,4 cavalli. Parlando della dotazione abbinata a questo modello, riprendendo le informazioni, figurano indicatori direzionali di tipo LED, paramani, parabrezza regolabile, manubrio a sezione variabile, presa USB collegata al display della strumentazione digitale e un’altra 12V nel vano sotto sella, tubi e paramotore in alluminio, quindi cavalletto centrale. La seduta risulta gestibile su due livelli, come segnalato.

Foto: Suzuki Moto

Suzuki: selezionata Main Sponsor della HAT Series 2020 [FOTO]
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Eventi

Hardalpitour 2018 Sanremo Sestriere, dal mare alla nuvole

La decima edizione della HAT Series ha visto protagonisti anche noi di Motorionline, in sella ad una SWM Superdual X, gommata Anlas
Hardalpitour: Compie dieci anni, festeggiando con un’edizione da record in termini di iscritti (480 da sedici stati diversi!) che la