Aprilia RS 660: proposta una versione da 95 cavalli

Pensando ai possessori di patente A2

Si segnala un modello con un'unità che genera qualche cavallo in meno, rispetto a quella già nota, funzionale come base per un esemplare da 35 kW
Aprilia RS 660: proposta una versione da 95 cavalliAprilia RS 660: proposta una versione da 95 cavalli

La nuova Aprilia RS 660 è attesa anche nella variante da 95 cavalli, come confermato di recente tramite la pagina Facebook legata alla casa di Noale.

Indicazioni

Il messaggio proposto fa subito riferimento ai possessori di patente A2. La nuova sportiva di media taglia è stata introdotta con un’unità bicilindrica che sviluppa 100 cavalli. Una spinta troppo elevata per questo tipo di utenza. La segnalata versione da 95 cavalli, dunque, potrebbe attrarre altri potenziali interessati, figurando come base per una “depotenziata” A2. Un valore adatto per configurare proprio un esemplare da 35 kW, ossia una spinta tra i 47 e i 48 cavalli, che è il valore indicato per chi è in possesso di una patente A2.
Al momento non sono state fornite ulteriori indicazioni sul modello da 95 cavalli, potenza prospettata anche sull’attesa Tuono 660. Si possono ipotizzare similitudini nella dotazione con la già introdotta RS 660, la cui prima uscita in movimento è programmata in occasione dell’evento Aprilia All Stars del 9 maggio 2020.
La nuova creazione del marchio di Noale, riprendendo le indicazioni già note, presenta un propulsore bicilindrico parallelo fronte marcia da 660 cc, associato al telaio, che sviluppa 100 cavalli di potenza massima, come accennato. Dato da valutare alla luce di un peso a secco segnalato di 169 kg. Un interessante rapporto potenza/peso. La moto include un forcellone in alluminio ed è riconoscibile dalla stile grintoso della doppia carenatura e la firma luminosa LED. Si indicano anche soluzioni sofisticate come una piattaforma inerziale a sei assi, pacchetto di sistemi APRC, Ride-By-Wire e cinque modalità di guida.

Foto: Aprilia

Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati