Suzuki V-Strom 1050 XT: una sintesi dedicata al Suzuki Intelligent Ride System [FOTO]

Un quadro tecnologico sofisticato

Una nuova panoramica del modello, focalizzando l'attenzione sulla parte elettronica che implementa diversi sistemi

La nuova Suzuki V-Strom 1050 XT presenta soluzioni che rafforzano l’interazione tra motociclista e mezzo. Nell’occasione si evidenzia in particolare il Suzuki Intelligent Ride System, o semplicemente SIRS, che costituisce un “pacchetto di sistemi elettronici di assistenza alla guida di ultima generazione”, come segnalato.

Suzuki Intelligent Ride System

Sintetizzato con l’espressione “sistema di controllo elettronico intelligente e automatico”, raccoglie vaie soluzioni pensate per favorire l’interazione col mezzo e lasicurezza. Annoverati ad esempio: un nuovo Cruise Control attivabile tra i 50 e i 160 km/h partendo dalla quarta marcia; un sistema Ride by Wire a gestione elettronica; un evoluto Traction Control su tre livelli di intervento anche disattivabile. Quindi ancora il Suzuki Drive Mode Selector che consente di variare tra tre differenti programmi di erogazione, poi un sistema “FrenaInPiega” (Motion Track Brake System) che sostiene l’arresto del mezzo durante varie situazioni e messo a punto con l’integrazione di una nuova piattaforma inerziale IMU Bosch, quello “FrenaSicuro” che integra Slope Dependent Control System e Load Dependent Control System funzionale soprattutto in discesa grazie a un lavoro funzionale tra elettronica e ABS, oltre al dispositivo “PartiFacile” noto anche come Hill Hold Control System che sostiene durante le partenze in salita (in caso di stop la ruota posteriore viene fermata automaticamente per 30 secondi, consentendo una nuova partenza come segnato).

Il modello in sintesi

Numerosi gli accessori già presente sul modello V-Strom 1050 XT, considerando anche gli indicatori direzionali a LED, una presa USB presente lateralmente al quadro strumenti digitale e una 12V nel vano al di sotto della sella, il manubrio a sezione variabile, i tubi paramotore e lo stesso paramotore realizzati in alluminio e ancora un parabrezza gestibili su 11 posizioni ed escursione di 50 mm, paramani e cavalletto centrale. Gestibile anche la seduta su due livelli, con altezza della sella segnalata a 850 mm.
La veste può essere nera, gialla o in combinazione arancione e bianca e osservando il design, in particolare la zona frontale con gruppo ottico a LED, emerge qualche rimando alla storica DR-Big. La versatile ciclistica è animata da un propulsore bicilindrico a V che sviluppa 107,4 cavalli di potenza.

Foto: Suzuki Moto

Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati