Nuovi Yamaha TMAX 560 e TMAX Tech MAX: maggior potenza e dinamismo [FOTO]

Nuovo motore bicilindrico da 560 cc

Introdotto il nuovo Yamaha TMAX 560, accompagnato da un'altra versione ancora più tecnologica denominata TMAX Tech MAX

Due versioni, design aggiornato ma sempre sportivo e tecnologico, una spinta più energica trasmessa da un propulsore da 560 cc. Presentati i nuovi Yamaha TMAX e TMAX Tech Max, due rinnovate visioni dinamiche dello scooter sportivo di Iwata.

Caratteristiche

Sviluppato su un telaio pressofuso in alluminio a doppio trave, presenta una carena filante e aerodinamica. Confermate le proporzioni tipiche del modello. Funzionale la modifica delle plastiche, tranne il cupolino e il puntale sottocarena, così come il rinnovato scudo e l’affinamento del peculiare fianchetto a “boomerang”. Distintive anche le nuove frecce anteriori a LED integrate in carena, come il faro posteriore sempre di tipo LED che definisce una “T”, legato a un retrotreno più snello e rinnovato grazie all’adozione di elementi stilistici che rimandano alle Yamaha Hyper Naked e Supersport. L’interasse ammonta a 1.575 millimetri, l’altezza della sella a 800 millimetri.
Tra gli aspetti tecnologici si citano un sistema “Smart Key” che consente di sbloccare e avviare il mezzo senza l’uso di una chiave, quindi una strumentazione che include tachimetro e contagiri divisi da un display TFT centrale con contachilometri, doppio tripmeter, indicatore di consumo del carburante e della temperatura esterna. Presenti altre spie luminose per TCS e D-MODE, una doppia modalità di risposta attiva assieme allo YCC-T (Yamaha Chip Controlled Throttle). Funzionale il vano portaoggetti illuminato in grado di ospitare un casco integrale o eventualmente 2 caschi jet. Il vano con chiave risulta impermeabile, utile per stivare anche altre tipologie di oggetti Il nuovo TMAX comprende anche un sistema di bloccaggio del cavalletto centrale, legato alla Smart Key, che mantiene più stabile il mezzo quando è parcheggiato.
Il nuovo TMAX Tech MAX, inoltre, assieme alle alte specifiche di serie come l’ausilio di manopole e sella riscaldate, è dotato di una soluzione che favorisce la connessione tramite MyTMAX Connect, un’app mobile che permette l’accesso a un sistema di localizzazione GPS con funzioni geofence e report di viaggio, allarme di velocità e della batteria scarica e funzione lampeggio, in base a quanto segnalato.
Parlando poi della ciclistica, si indicano setting ottimizzati delle sospensioni anteriori e posteriori a fronte di un aumento della spinta propulsiva. Presenti una forcella a steli rovesciati di tipo motociclistico, mentre al retrotreno comprende un gruppo sospensione posteriore Monocross. L’impianto frenante prevede, dunque, un doppio freno a disco anteriore e un solo elemento retrostante.

Motore

Il bicilindrico include nuovi pistoni forgiati in alluminio e bielle ridisegnate, la cilindrata è aumentata del 6% raggiungendo i 560 cc, come è cresciuta di 2 mm la dimensione dell’alesaggio, a 70 mm. Il peso delle masse in moto alternato risulta solo dell’1% rispetto al modello precedente, come riferito. Cresciute coppia e potenza, rispettivamente del 6% (55,7 Nm a 5.250 giri/minuto) e del 3,5% (35,0 kW a 7.500 giri/minuto), tradotte in un dinamismo più accentuato. Tra gli altri aspetti interessanti, il motore risulta elemento stressato del telaio, con un layout contenuto e orizzontale, nonché funzionale considerando un baricentro basso.
Il propulsore omologato Euro 5 presenta anche una camera di combustione ridisegnata e una fasatura delle valvole di aspirazione e scarico rivista. Le valvole di aspirazione sono più ampie con un diametro di 27 mm. Riposizionato poi un nuovo iniettore a 12 ugelli sul lato del condotto di aspirazione, inviando il carburante nella parte posteriore del corpo farfallato. Lo scarico 2 in 1 risulta inclinato verso l’alto. È dotato di convertitori catalitici anteriore e posteriore che sfruttano elementi in rodio e in platino, come segnalato. Anche il suono prodotto risulterebbe affinato, proprio tramite la fasatura a 360° TMAX. Mentre il dinamismo è legato anche alla nuova cinghia CVT a supporto della trasmissione, con affinamenti anche nella scansione dei rapporti e al motore.
Messo a punto anche il Traction Control System (TCS), in base alle rinnovate caratteristiche.

Colori, disponibilità e prezzi

Il nuovo TMAX è proposto nelle tinte Icon Grey e Sword Grey, mentre TMAX Tech MAX nell’esclusiva Tech Kamo e in Sword Grey. La disponibilità di entrambi i modelli è prospettata nelle concessionarie Yamaha a partire da dicembre 2019. Sempre riprendendo le indicazioni, secondo listino: per TMAX si parte da 11.999 euro f.c. TMAX Tech MAX da 13.799 euro f.c.

Foto: Yamaha Motor

Leggi altri articoli in EICMA 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati