Honda affila gli artigli, arriva la nuova CBR1000RR-R Fireblade [FOTO]

La casa dell'Ala Dorata punta in alto, un "mostro" da 217 CV

Alla vigilia dell’apertura dell’edizione 2019 di EICMA, Honda ha presentato in anteprima la gamma 2020 caratterizzata da diverse novità, ma soprattutto l’arrivo della nuovissima CBR1000RR-R Fireblade e SP ,l’arma finale con cui la casa dell’Ala Dorata tenterà l’assalto al campionato SBK.

Caratteristiche tecniche Honda CBR1000RR-R Fireblade

Una moto completamente nuova sotto ogni punto di vista.

Motore Honda CBR1000RR-R Fireblade

La Honda CBR1000RR-R Fireblade è equipaggiata con il nuovo motore quattro cilindri in linea progettato in collaborazione con il team di ingegneri HRC autori della RC213V, è in grado di erogare una potenza massima di 217,5 CV (160 kW) a 14.500 giri/min e una coppia massima di 113 Nm a 12.500 giri/min. Tutto è stato studiato nei più piccoli dettagli per garantire sempre il massimo delle prestazioni. Il motore della RR-R presenta le stesse misure ‘superquadre’ di alesaggio e corsa pari a 81 x 48,5 mm della RC213V-S, una modifica radicale rispetto ai 76 x 55,1 mm della precedente Fireblade, nonché la misura di alesaggio maggiore tra le supersportive di 1.000 cc con motore a 4 cilindri in linea. Il rapporto di compressione è pari a 13:1. Le valvole di aspirazione hanno un diametro di 32,5 mm e quelle di scarico di 28,5 mm, e sono ora azionate da bilancieri a dito (anziché a bicchierino), fattore che riduce il peso inerziale del 75% circa. L’attrito è ridotto ulteriormente grazie al rivestimento DLC (Diamond Like Carbon) sui lobi delle camme, proprio come sulla RC213V‑S. Anche il sistema di distribuzione è nuovo, deve addirittura essere ancora brevettato ed è costituito da un mix catena-ingranaggi. Per sopportare i valori estremi di alzata valvole e regime di rotazione la catena viene azionata dall’ingranaggio di fasatura posizionato sull’albero motore e fa girare l’ingranaggio intermedio che dà il movimento a quelli di azionamento degli alberi a camme. Si riduce così la lunghezza della catena. Per aspirare il volume di aria necessario, il diametro dei corpi farfallati è stato aumentato da 48 a 52 mm e sono ora di forma ovale per garantire un flusso lineare verso le valvole di aspirazione e ridurre ulteriormente la diminuzione di pressione in aspirazione. Akrapovic ha collaborato allo sviluppo del terminale di scarico. Realizzato in titanio, con le sue dimensioni contenute e il peso ridotto contribuisce alla centralizzazione delle masse e a massimizzare l’angolo di piega nelle curve a destra. Anche la valvola di scarico è stata progettata in collaborazione con Akrapovic, per erogare coppia ai bassi regimi e potenza ai regimi elevati; è dotata di un fermo valvola (in corso di brevettazione) che impedisce i trafilaggi di gas di scarico quando è chiusa.

Elettronica Honda CBR1000RR-R Fireblade

Comando Throttle By Wire messo a punto per una risposta più rapida e una migliore sensibilità. Sono presenti tre Riding Mode predefiniti, e opzioni per personalizzare potenza, freno motore, controllo impennata, basato sugli input della piattaforma inerziale IMU e dei sensori di velocità sulle ruote, per gestire l’impennata senza sacrificare la spinta in avanti, e controllo di trazione. Il controllo di trazione HSTC a 9 livelli monitora anche la variazione di slittamento per un’erogazione ancora più redditizia. E’ inoltre presente il sistema Launch Control a 4 livelli.

Telaio CBR1000RR-R Fireblade

Il telaio è realizzato in alluminio. La rigidità verticale e quella torsionale sono aumentate rispettivamente del 18% e del 9%, mentre la rigidità orizzontale è stata ridotta dell’11%. L’interasse misura ora 1.455 mm, con inclinazione del cannotto di sterzo pari a 24° e avancorsa di 102 mm (rispetto ai precedenti 1.405 mm, 23° e 96 mm), misure improntate ad aumentare la stabilità. Il peso con il pieno è di 201 kg. Sono state apportate notevoli modifiche anche al bilanciamento e alla posizione del baricentro; l’albero motore si trova più lontano di 33 mm dal perno ruota anteriore ed è più in alto di 16 mm. Il forcellone, ottenuto per saldatura di 18 singoli sottili componenti di alluminio, è uguale a quello utilizzato sulla RC213V-S. È lungo 622,7 mm (+30,5 mm) e pesa esattamente quanto quello del modello precedente. La rigidità orizzontale è stata ridotta del 15%, mentre la rigidità verticale è invariata in quanto adeguata a generare aderenza e sensibilità. All’anteriore è presenta la forcella rovesciata Showa BPF (Big Piston Fork) da 43 mm con precarico delle molle e lo smorzamento idraulico in compressione ed estensione sono completamente regolabili. Per la nuova RR-R la forcella ha una lunghezza maggiore rispetto al precedente modello, per consentire una maggiore libertà di variazione della geometria dell’avantreno a chi ne fa un utilizzo “pistaiolo”. L’ammortizzatore posteriore è il nuovo Showa Balance Free Rear Cushion-Light (BFRC-L) totalmente regolabile. Come il precedente BFRC, anche il BFRC-L prevede il design a doppia camera, con stelo dell’ammortizzatore che scorre in un cilindro interno. Il pistone di smorzamento non è dotato di valvole, pertanto la forza dello smorzamento viene generata dal trasferimento dell’olio attraverso un componente separato. L’impianto frenante prevede le nuove pinze radiali Nissin a quattro pistoncini, che offrono maggiore rigidità con un peso ridotto, e dischi di 330 mm (+10 mm rispetto al precedente modello) da 5 mm di spessore (+0,5 mm). Il peso della Honda CBR1000RR-R Fireblade si aggira intorno ai 201 Kg in ordine di marcia.

Aerodinamica Honda CBR1000RR-R Fireblade

La carenatura aerodinamica, il cupolino e il parafango riducono al minimo l’area frontale e l’attrito dell’aria. Il risultato finale di questa accurata progettazione aerodinamica è che la nuova CBR1000RR‑R, in configurazione da pista, può vantare il miglior coefficiente di resistenza della categoria, pari a 0,270. Le alette della carenatura, derivate dalla RC213V MotoGP, riducono l’impennamento in accelerazione e migliorano la stabilità in frenata.

La versione SP della Honda CBR1000RR-R Fireblade

La versione SP differisce dalla standard per la presenza delle sospensioni elettroniche Öhlins, delle pinze freno Brembo Stylema con pompa della stessa marca e del quickshifter di serie.

Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati