Honda GL1800 Gold Wing 2020: aggiornamenti per l’esemplare con motore boxer a 6 cilindri [FOTO]

Due modelli e nuove colorazioni

Introdotta la rinnovata Honda GL1800 Gold Wing. Affinamenti e implementazioni per la GT spinta da un poderoso boxer composto da 6 cilindri

Un’evoluzione di tipo tecnico, considerando mappature dell’alimentazione e del cambio a doppia frizione DCT aggiornate e su “Tour” un nuovo set-up delle sospensioni e maniglioni destinati al passeggero, oltre a nuove colorazioni, come segnalato. Si parla della Honda GL1800 Gold Wing 2020.

Le novità

Due i modelli prospettati: una “GL1800 Gold Wing” con valigie laterali e parabrezza standard, quindi una “GL1800 Gold Wing Tour” che include un top box e parabrezza alto. In ogni caso si può optare tra cambio manuale a 6 rapporti e retromarcia elettrica o trasmissione doppia frizione DCT (Dual Clutch Transmission) a 7 rapporti e “Walking Mode”, un sistema di movimento lento avanti/indietro. La disponibilità del DCT sul modello base risulta una novità sul mercato europeo. Sulla versione “Tour” la variante DCT presenta anche l’Airbag, come segnalato.
Il concetto è distinguibile dalla carenatura modellata e aerodinamica, un parabrezza gestibile elettricamente quindi soluzioni come un sistema Smart-Key e connettività Apple CarPlay nonché Bluetooth, display LCD e schermo a colori TFT da 7 pollici, telaio a doppio trave in alluminio con propulsore e motociclista disposti in posizione avanzata, quindi sospensione anteriore a doppio braccio oscillante e cannotto avanzato con soluzione retrostante tipo monobraccio Pro-Arm, come indicato. Il modello era stato già ampiamente evoluto e riplasmato con l’introduzione del model year 2018. Tra le novità anche le tinte Darkness Black Metallic / Gray e Pearl Glare White legate alla “Tour” con DCT.

Aspetti tecnici

Il propulsore boxer a 6 cilindri trasmette 126 cavalli di potenza a 5.500 giri/minuto e una coppia di 170 Nm a 4.500 giri/minuto, richiamate da un comando Throttle By Wire e regolate da 4 Riding Mode: Tour, Sport, Econ e Rain. Tra le soluzioni tecnologici si segnalano sistemi di assistenza come quello per le partenze in salita HSA (Hill Start Assist) e Start&Stop, ma anche un controllo di trazione HSTC (Honda Selectable Torque Control) e gestione delle sospensioni, nonché un impianto frenante combinato (D-CBS) con ABS, considerando il programma di guida selezionato che interessa le versioni “Tour”, riprendendo sempre le informazioni. Sugli esemplari 2020, l’erogazione risulta migliorata per le nuove mappature dell’alimentazione.
La sviluppo di telaio e motore è stato congiunto, come ricordato, osservando l’impostazione avanzata del modello e la definizione di progetto. Il telaio a doppio trave in alluminio avvolge la sospensione anteriore, con il conseguente avanzamento del cuore boxer. L’avantreno è stato studiato valutando un’attenuazione degli attriti, alla luce del movimento lungo una verticale della ruota frontale, sempre considerando le indicazioni.

Foto: Honda Moto

Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati