Hardalpitour 2019, HAT Sanremo-Sestriere: diversi partecipanti all’evento Adventouring [FOTO]

Undicesimo appuntamento

Un numero consistente di presenze alla manifestazione

Varie esperienze per appassionati dell’Adventouring hanno caratterizzato l’HAT Sanremo-Sestiere, riprendendo le indicazioni sull’evento.

Dalla costa alla montagna

Il lungo fine settimana carico di istanti dell’undicesima edizione di un evento legato a HAT Series, è stato caratterizzato da un clima altalenante, come segnalato. I 450 partecipanti, di cui circa la metà giunti da 15 differenti Paesi, a Sanremo hanno assaporato una temperatura tipicamente estiva, per poi passare a condizioni piuttosto invernali sui rilievi della Val Susa. In ogni caso gli sbalzi di temperature e le mutevoli condizioni hanno solo arricchito questo appuntamento per esploratori, impegnati nelle “categorie/percorsi Discovery, Classic ed Extreme” e raggiungere il simbolico 100% MARATHON Prize attraversando tutti i punti di controllo, sino al completamento del cammino.
Consistente la compagine Yamaha, considerando anche il debutto della nuova Ténéré 700 in un impegno Adventouring, segnalando anche il ritorno in sella del dakariano Franco Picco, che ha preso parte per la prima volta a un impegno Hardalpitour affiancando i partecipanti delle categorie Classic e Discovery su esemplari Ténéré, riprendendo ancora le indicazioni. Oltre alla presenza dei campioni di enduro Giuseppe Gallino e Alessio Paoli della Blue Bike Camp, ossia la nuova scuola di off-road adventure siglata Yamaha. Ma sono stati diversi i nomi altisonanti nelle competizioni raid che hanno preso parte alla manifestazione e altrettanto interessante la partecipazione di una ventina di Qooder del Team Quadro Vehicles.
Un evento gestito dallo staff di Over2000riders, costituito da oltre 50 specialisti attivi nel corso dei tre giorni della manifestazione. Importanti anche i contributi dei partner della manifestazione che hanno arricchito gli HAT Village e il dialogo con Enti e Associazioni che hanno autorizzato l’evento. Un’appuntamento lungo tre giorni, dunque, attraversando percorsi in fuoristrada che caratterizzano la dorsale delle Alpi Marittime/Cozie e le Valli del Savonese e del Cuneense, dalla costa sanremese ai 2.035 metri d’altitudine di Sestriere, viaggiando anche di notte.
Tra i momenti citati: la HAT Night di Sanremo con i 15 inni nazionali; lo scatto della classe Extreme di venerdì notte per la gara da 42 ore non-stop in moto; la suggestiva sosta/ristoro a Cuneo al punto Open Baladin e “l’invasione pacifica” sui vari esemplari in Piazza Foro Boario, oltre al saluto di Nicola Dutto; il passaggio sul Colle dell’Assietta per apprezzare l’arrivo dell’alba; il passaggio alla Galleria dei Saraceni; quindi lo stesso arrivo a Sestriere accolti dalla musica di DJ Mashi, come indicato.

Foto: HAT Series – Massimo Di Trapani

Hardalpitour 2019, HAT Sanremo-Sestriere: diversi partecipanti all’evento Adventouring [FOTO]
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati