Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance: una seconda tappa combattuta [FOTO]

Prossimo appuntamento a Magione

Successo conteso nel confronto disputato sul tracciato di Vallelunga. Tre team protagonisti nel finale della nuova “miniendurance” del Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance

In meno di quattro secondi tre contendenti. L’epilogo della seconda tappa del Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance a Vallelunga è pieno di emozioni forti, adrenalina, lotta sui millesimi di secondo e tanta determinazione. Alla fine si impone il 117 Racing Team.

Una nuova formula per amanti delle corse

Diverse informazioni sul Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance sono disponibili sul portale dedicato fastendurance.motoguzzi.com o quello della Federazione Motociclistica Italiana www.federmoto.it. I prossimi eventi sono previsti a Magione il 23 giugno, ad Adria il primo settembre, quindi a Misano il 13 ottobre. Ci si può iscrivere ai singoli appuntamenti sino a due settimane dalla gara, il costo segnalato ammonta a 350 euro per formazione. La formula è composta da due turni di prove cronometrate previste di sabato, ciascuna da 20 minuti per ogni pilota. La media dei tempi migliori è utile per stabilire la posizione in griglia. La gara è programmata per domenica. Si parte in stile “Le Mans”, ossia i piloti devono raggiungere le moto allineate sul lato opposto della carreggiata e scattare.
Ogni pilota non può oltrepassare i 15 minuti + 2 giri consecutivi, quindi sono previsti almeno tre cambi in corsa dato che la gara dura 60 minuti. Ottengono un punteggio i primi 15 team giunti al traguardo.

L’appuntamento di Vallelunga

Dopo la tappa di Varano de’ Melegari sono altrettanto intense le emozioni vissute a Vallelunga, con un finale piuttosto coinvolgente. I tempi registrati durante le sessioni effettuate di sabato, su bagnato e asciutto, avevano già prefigurato il confronto domenicale. Il Team Biker’s Island formato da Samuele Sardi e Marco Solera ha conquistato la prima casella dello schieramento con una media di 2’02″798, più veloci rispetto allo speciale duo Stefano FugardiErmanno Bastianini in evidenza con una media di 2’03″050, quindi il nuovo team 117 Racing Team costituito da Matteo Giordani e Carlo Maderna, subito dietro con il tempo di 2’03″173. Proprio questi ultimi, nonostante un avvio complicato, hanno conquistato il primo gradino del podio nell’intensa contesa finale allo scoccare dell’ora di gara. Pur dimostrando una grande rapidità nella suggestiva partenza alla “Le Mans”, il Team Biker’s Island è stato superato dagli alfieri del 117 Racing Team in occasione del primo cambio pilota, ottenendo alla fine un buon secondo posto diviso appena da 1″7. Tra i nomi in lizza per il successo anche Riccardo Mancini e Nicola Maccaferro del Team Circuito Internazionale d’Abruzzo, infine terzi divisi appena da 3″7 rispetto ai vincitori e leader della classifica. In successione i piloti di The Clan, Niccolò Rosso e Alessandro Moro, sempre in rimonta dalla sedicesima posizione e apprezzati dalla community ufficiale Moto Guzzi, premiati con un riconoscimento speciale per quanto fatto in gara nonché con il premio per il giro più veloce firmato proprio da Niccolò Rosso in 2’00″645 a una media oraria di 122 km/h, secondo le indicazioni diffuse. Un ulteriore segnale delle doti ciclistiche e prestazionali della Moto Guzzi V7 III dotata di un Kit Racing GCorse e pneumatici Pirelli Phantom Sportscomp RS impiegata dai vari team protagonisti della serie. Non classificati nell’occasione: Luporacing, Scuderia Aquile Millenarie e Spirit of 4.5 – PMR Moto, riprendendo quanto segnalato. Prossimo appuntamento a Magione il 23 giugno.

Trofeo Moto Guzzi Fast Endurance: una seconda tappa combattuta [FOTO]
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati