Nuovo Codice della Strada: si parla di “strade scolastiche” e in autostrada anche mezzi da 120 cc

Approntato il testo base, ulteriori emendamenti fino al 3 giugno

Diverse novità presenti nel testo base del nuovo Codice della Strada, verso l'iter legislativo. Tra i provvedimenti respinti quelli riferiti al fumo in auto e all'aumento del limite in autostrada a 150 km/h, secondo quanto emerso
Nuovo Codice della Strada: si parla di “strade scolastiche” e in autostrada anche mezzi da 120 ccNuovo Codice della Strada: si parla di “strade scolastiche” e in autostrada anche mezzi da 120 cc

Moto e scooter sotto i 150 cc in autostrada ma guidati da maggiorenni, quindi una nuova categoria di strade definite “scolastiche”. Sono alcuni degli aspetti introdotti nel testo base dedicato alle possibili modifiche del Codice della Strada.

Le suggerite novità

Alcune delle anticipazioni affiorate in giornata riguardano il testo base di modifica, ma risulta fissato al prossimo 3 giugno il termine ultimo per presentare ulteriori emendamenti, prima dell’effettiva discussione.
Tra le novità interessanti figura la possibilità che anche mezzi a due ruote al di sotto dei 150 cc possano circolare in autostrada, ma condotti solo da maggiorenni. In pratica, valutando le modifiche proposte nel testo base, la circolazione sui tratti autostradali ed extraurbani risulta ancora vietata a velocipedi, nonché ciclomotori e motocicli con unità motrici al di sotto dei “120 cc se a motore termico e di potenza fino a 11 kW se a motore elettrico”. L’apertura a mezzi da 120 cc riguarda comunque solo “soggetti maggiorenni, muniti di patente A, B o di categoria superiore o muniti da almeno due anni di patente A1 o A2”, in base alle indicazioni trapelate.
Passando a soluzioni di movimento alternative come monopattini, pattini a rotelle e skateboard, si consente la circolazione anche su piste ciclabili, aree pedonali e spazi riservati alla circolazione delle persone, come appunto aree pedonali e ciclopedonali, nonché l’introduzione di una linea di sosta dedicata ai ciclisti e definita “casa avanzata”, posta più avanti rispetto a quella di arresto di autovetture e mezzi a motore, per evitare il contatto ravvicinato con i gas emessi dai terminali dei veicoli in sosta. Una soluzione destinata a strade con percorrenze inferiori o pari a 50 km/h, ad almeno 3 metri dalla linea di arresto e accessibile tramite una corsia riservata di almeno 5 metri sul lato destro, da quanto segnalato. Ma si lascia discrezionalità ai sindaci in materia, pur invitati a intensificare le tutele per i ciclisti. Restando sul tema, il sorpasso dei ciclisti da parte degli altri veicoli deve essere compiuto assicurando una “maggiore distanza laterale di sicurezza”, al di fuori dei centri urbani risulta almeno 1,5 metri.
Respinti, da quanto emerso, possibili provvedimenti riguardanti il fumo in auto e un limite autostradale più elevato di quello attuale.
Un’altra novità di spicco del testo base da discutere è legata alla classificazione delle arterie, in particolare la nuova “strada scolastica” presente in prossimità di edifici scolastici. Una dicitura pensata per “consentire la sosta, il movimento e le manovre connesse” in questi punti, richiamando i comuni ad adottare provvedimenti che limitino la circolazione “negli orari di attività didattica e di ingresso e uscita degli alunni”, optando tra un limite inferiore o pari a 30 km/h, oppure stabilire zone a traffico limitato, riprendendo sempre le indicazioni in merito.

Nuovo Codice della Strada: si parla di “strade scolastiche” e in autostrada anche mezzi da 120 cc
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in Guide e utilità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati