Triumph New Modern Classic: come vanno, prezzi e caratteristiche [TEST RIDE]

Il giusto mix tradizione-tecnologia

In occasione della nuova iniziativa “Triumph Adventure Experience”, provati degli esemplari di Steet Twin che propongono una certa facilità di guida e offrono sensazioni di libertà e divertimento, ma anche Scrambler 1200 XC. Una moto ambivalente, senza limiti su asfalto e fuori

Nell’ambito dell’importante evento “Triumph Adventure Experience” organizzato dalla storica casa inglese nell’Oltrepò Pavese, per presentare le novità del 2019, ho avuto il piacere di testare due modelli della gamma Triumph New Modern Classic. Precisamente delle versioni di Street Twin e Scrambler 1200 XC che vi racconto di seguito.
Il punto di partenza è stato la suggestiva location del Castello di San Gaudenzio, per poi intraprendere un circuito stradale misto, di circa un centinaio di chilometri, passando sia per centri abitati in pianura che per tortuosi tratti in collina al fine di provare al meglio i due mezzi in molteplici e differenti situazioni stradali.

Street Twin, ovvero la custom del marchio più venduta

Rispetto al modello precedente, datato 2016, la potenza è aumentata di 10 CV, pertanto risulta più scattante ai bassi regimi mantenendo contestualmente una coppia fluida ed il classico sound del tradizionale motore bicilindrico inglese.
Le finiture sono state curate nei dettagli, come i nuovi inserti in alluminio, ivi compresi i cerchi multi-razza, che le hanno conferito uno stile più contemporaneo.
Il comfort di guida è buono, risultante dalla giusta triangolazione, la sella è comoda, sia per il guidatore che per il passeggero, magari un centimetro in più di spessore avrebbe garantito maggior comfort sulle lunghe distanze.
Il manubrio della giusta larghezza garantisce una posizione di guida adeguata e i comandi sono semplici e facili da gestire, come la lettura della strumentazione minimal, integrata di un piccolo display digitale.
In strada mi ha dato la sensazione di facile guidabilità, soprattutto nei cambi di direzione, nonostante il peso di circa 200 kg. Il nuovo impianto frenante anteriore Brembo unitamente alla forcella dotata di ammortizzatore a caruccia, garantisce una buona reazione anche in condizioni estreme.
La frizione a coppia assistita alleggerisce la fatica nella guida sul misto e soprattutto sulle lunghe distanze, dove si usa maggiormente il cambio.
Il comfort di guida e la fluidità de motore, conferiscono una sensazione di libertà e divertimento, anche per i neofiti di questo genere, ma se si supera il metro e 75 di altezza, la posizione di guida inizia ad essere meno comoda.

Un particolare occhio di riguardo bisogna conferirlo al discorso relativo all’elettronica, sicuramente una delle innovazioni più importanti sviluppata su questa custom, allineata con le moderne necessità richieste dal mercato: la doppia mappatura road/rain, l’ABS ed il controllo di trazione conferiscono maggior sicurezza in qualsiasi condizione di guida, mentre la presa USB posta sotto la sella, garantisce la ricarica di qualsiasi dispositivo elettronico.
Dal puto di vista personale, posso consigliare questo modello soprattutto a chi si vuole avvicinare per la prima volta al genere custom ma anche a chi desidera una moto facile da guidare e comoda, sia per le gite fuori porta che per le lunghe distanze, probabilmente qualche litro in più nel serbatoio non sarebbe stato male in tal senso, inoltre reputo molto interessante il poterla customizzare al massimo tramite l’abbinamento di oltre 140 accessori originali al fine di ottenere un “pezzo” unico, soprattutto per i più egocentrici come il sottoscritto. Prezzo a partire da € 8.950,00.

Scrambler 1200 XC, l’evoluzione di un classico della casa inglese

Un nuovo modello nato per estremizzare i concetti di una moto nata negli anni ’60.
Lo stile è quello inconfondibile Scrambler, allo stesso tempo grezzo ed elegante per stare al passo con i tempi.
Il motore bicilindrico parallelo High-Power eroga una potenza di 90 CV, con un incredibile coppia studiata appositamente per i regimi medio-bassi al fine di sfruttarne subito le potenzialità su qualsiasi tipo di terreno, in particolar modo in modalità off-road.
Una volta saliti ci si rende conto della robustezza del mezzo e dell’elevata altezza da terra volta ad assicurare una grande agilità anche nei percorsi più tortuosi.
Il manubrio è molto largo e i comandi, nonostante le numerose funzioni, sono stati semplificati per poter essere gestiti con facilità. La strumentazione è totalmente digitale, a tal proposito è doveroso segnalare che con il sole contro risulta di difficile lettura.
Nell’ambito della prova su strada, ho potuto constatare l’elevata coppia ai bassi regimi, in particolar modo sul percorso misto in salita. Purtroppo non ho avuto la possibilità di provarla in off-road, ma le premesse della strada lasciano intendere che sicuramente sia molto divertente e impostata soprattutto per questo utilizzo.

L’impianto frenante anteriore radiale a doppio disco Brembo unitamente alla forcella, garantisce un’ottima reazione agevolando al massimo i cambi di direzione.
Le sospensioni anteriori hanno una corsa molto lunga, mentre al posteriore il doppio ammortizzatore Olhins regolabile di primissimo livello regala una perfetta stabilità.
La tecnologia e soprattutto l’elettronica sono gli elementi più interessanti e completi di questo modello, tra i quali è doveroso segnalare: 6 modalità di guida, illuminazione Full LED, incluso faro anteriore DRL, blocchetti intuitivi retroilluminati a joystick a 5-vie, frizione assistita, accensione keyless, cruise control, presa di ricarica USB, sistema di gestione di GoPro integrato, sistema di navigazione turn-by-turn, controllo del telefono e musica Bluetooth attivato da un modulo di connettività opzionale.
Consiglierei questo modello a chi vuole il top della filosofia Scrambler, il prezzo (a partire da € 14.500,00) potrebbe sembrare leggermente alto rispetto ai competitor, ma la dotazione tecnologica e soprattutto elettronica lo giustificano ampiamente. Anche in questo caso avete l’opportunità unica di poterla personalizzare al massimo tramite l’abbinamento di oltre 80 accessori originali.

Triumph New Modern Classic: come vanno, prezzi e caratteristiche [TEST RIDE]
5 (100%) 3 votes
Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati