Honda CBR650R e CB650R: stesso comparto tecnico, ma risultati diversi

Il confronto tra le due nuove 'medie' della casa dell'Ala Dorata

Honda CBR650R e CB650R: stesso comparto tecnico, ma risultati diversiHonda CBR650R e CB650R: stesso comparto tecnico, ma risultati diversi

Avevamo visto le nuove ‘medie’ di casa Honda in occasione di EICMA 2018, ma adesso sono finalmente tra noi. Stiamo parlando della sportiva CBR650R e della naked CB650R, filosofie simili per due prodotti agli antipodi. Sono due moto che mandano in pensione le rispettive versioni F.

Entrambi i modelli condividono lo stesso propulsore. Si tratta di un motore 4 cilindri in linea da 649 cc. La potenza rispetto alla vecchia versione è aumentata, ma il punto forte è l’erogazione, che adesso è più corposa e presente, con un aumento del 5% sopra i 10.000 giri/min. Questo si traduce in un’erogazione fluida e lineare, ma che diventa cattiva quando si sale di regime. Questo è dovuto a diversi nuovi aggiornamenti, tra cui un nuovo disegno dei pistoni e un incremento del rapporto di compressione che passa da 11,4 a 11,6:1. Anche il diametro del collettore di scarico è stato rivisto, allargato e orientato verso l’alto. L’aumento delle prestazioni non è però l’unico aspetto positivo, infatti, migliora anche il rendimento generale del motore e quindi si riducono i consumi. Tra i due modelli a fare la differenza è la posizione delle prese d’aria dell’air box. Sulla CBR650R si tratta di due condotti frontali, mentre sulla CB650R si trovano ai lati del serbatoio. Su entrambi i modelli è inoltre presente la frizione assistita con anti-saltellamento ed è presente anche il controllo di trazione HSTC (Honda Selectable Torque Control), che impedisce il pattinamento della ruota posteriore in accelerazione. Entrambe sono inoltre disponibili in versione da 35 kW per i possessori di patente A2.

In comune i due modelli hanno anche il reparto sospensivo che fa affidamento su una forcella Showa SFF (Separate Fork Function) rovesciata da 41 mm all’anteriore, mentre al posteriore la molla è regolabile nel precarico su 7 posizioni, lavora vincolato direttamente al forcellone in alluminio a bracci differenziati. L’impianto frante è stato interamente rivisto e potenziato rispetto alla versione F. All’anteriore sono presenti dischi flottanti da 310 mm e pinze a 4 pistoncini ad attacco radiale, mentre al posteriore una pinza a pistoncino singolo agisce su un disco da 240 mm.

Honda CBR650R

La linea è ispirata alla ‘sorella maggiore’ Fireblade, ma il motore più contenuto, quindi consumi ridotti, e una ciclistica che promette grande maneggevolezza, la rendono una moto per la vita quotidiana e non solo per ‘assaltare’ i cordoli. Il peso è sceso di 6 kg, arrivando a 207kg, grazie ai numerosi interventi svolti sul telaio, adesso più rigido intorno al canotto e più flessibile nelle sezioni discendenti, per assecondare la nuova forcella. E’ stata rivista anche la posizione di guida, adesso più carica sull’anteriore. I semimanubri sono stati posizionati 30 mm più avanti mentre le pedane sono state leggermente arretrate e alzate. L’altezza da terra è rimasta invariata. La CBR650R è già nelle concessionarie nelle colorazioni: Grand Prix Red e Mat Gunpowder Black Metallic al prezzo di 8.900,00 euro

Honda CB650R

Il compito della nuova CB650R non sarà semplice: mandare in pensione le CB650F. sulla nuova moto si distinguono i tratti distintivi dello stile Neo Sports Café con linee minimaliste concepite per mostrare i muscoli. Rispetto alla versione F è stata rivista la posizione di guida, il manubrio è stato spostato di 13mm in avanti ed abbassato di 8 mm, le pedane sono state invece leggermente arretrate ed alzate. La nuova posizione di guida oltre ad essere più ‘aggressiva’ rende più comodo e confortevole la guida in percorsi ricchi di curve. Il peso complessivo della moto è stato complessivamente ridotto grazie ad alcuni accorgimenti, come ad esempio le piastre del forcellone che sono stampate anzichè forgiate, differenza che ha permesso di risparmiare quasi due kg. Il peso con il pieno è di 202 kg. L’inclinazione del cannotto di sterzo è impostata su 25,5°, con avancorsa di 101 mm e interasse di 1.450 mm. La CB 650R è già nelle concessionarie nelle colorazioni: Graphite Black, Candy Chromosphere Red, Matt Crypton Silver Metallic e Matt Jeans Blue Metallic al prezzo di 7.990 euro.

Honda CBR650R e CB650R: stesso comparto tecnico, ma risultati diversi
5 (100%) 1 vote
Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati