Una Kawasaki “stampata”: ecco la 3D Core

Realizzata da Alvaro Dal Farra, il concept rappresenta la passione per le due ruote tassellate

Una Kawasaki “stampata”: ecco la 3D CoreUna Kawasaki “stampata”: ecco la 3D Core

Nonostante le linee ricordino quelle di una ‘normale’ moto da cross, in particolare la nuova Kawasaki KX 450 2019, la 3D Core è un concept nato dal sogno di un bambino, divenuto campione: Alvaro Dal Farra.

Il vicentino è stato uno dei piloti di freestyle motocross tra i più famosi al mondo e nel corso della sua carriera ha partecipato a diversi eventi in giro per il mondo, come: Red Bull Xfighters e Masters of Dirt, giusto per citarne alcuni. L’idea della moto nasce appunto da un sogno che aveva da bambino, quando già a tre anni sognava un Malaguti Grizzly, che adesso è diventato realtà attraverso la 3D Core, come lo stesso pilota racconta: “Mi domando sempre perché la moto continui ad essere al centro della mia vita.- racconta Alvaro Dal Farra – Il fulcro, il cuore di tutto. La mia vita senza la moto non sarebbe possibile. Anche se mi ha quasi ucciso continuo ad amarla, non posso stare senza di lei. Questo amore nasce dal più profondo del cuore: la prima moto da cross che ho visto e sognato era un Malaguti Grizzly nei primi anni 80. Avevo 3 anni, ancora me la ricordo… e da lì subito l’amore sfrenato per la moto da cross.”

Parlando di sostanza, le sovrastrutture della 3D core sono realizzate con tecnologia HP multi jet fusion da Skorpion Engineering, grazie alla quale è stato possibile realizzare diversi strati e un vero “cuore aperto”. Proprio la similitudine con il cuore, che da anche nome alla moto, è il fulcro di questo concept, infatti, i colori rosso e il blu, sono stati utilizzati proprio per creare una sorta di sistema circolatorio, con vene e arterie.

Una Kawasaki “stampata”: ecco la 3D Core
5 (100%) 2 votes
Leggi altri articoli in

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati