Moto Morini: la rivoluzione cinese è già iniziata (alla grande)

Il gruppo Zhongneng Vehicle Group ha investito grandi capitali per il rilancio globale dello storico marchio

Il neo residente Chen Huaneng: "Alle grosse 1200 verranno affiancate moto di cilindrata inferiore in risposta alla crescente richiesta del mercato. Inoltre punteremo forte sul mercato dell'elettrico"

Moto Morini – Il ristorante di Filippo La Mantia è stata la sede prescelta da Moto Morini per annunciare tutte le novità del 2019. Il marchio è appena stato venduto alla Zhongneng Vehicle Group (ZNEN) del dotto Chen Huaneng, pronto investire grandi capitali per riportare MM nell’olimpo del motociclismo con una serie di novità nei prodotti e nelle strategie. Zhongneng Vehicle Group, fondata nel 1987 daChen Huaneng, ha fatto il suo ingresso nel mercato delle due ruote nel 1998. Il Gruppo investe costantemente in Ricerca e Sviluppo tanto da essere la maggiore società cinese, nel settore, a detenere certi cazioni internazionali (65 europee e 52 americane). Il gruppo Zheng occupa 240.000 mq di impianti, con oltre 700 addetti ed ha una capacità produttiva pari a 600.000 motori a combustione, 300.000 moto elettriche e 500.000 scooter a benzina. Dal 2010 detiene la leadership nelle vendite degli scooter in Cina. Oltre il 50% della produzione viene esportata in Europa e USA oltre ad essere presente in Medio Oriente, Sud America e Nord Africa.

Moto_Morini_Viviani_2018_12

Dottor Chen, quali sono le prime mosse che farete per rilanciare il marchio?

“Lo sviluppo del canale commerciale di Moto Morini renderà la rete globale di vendita più capillare e selezionata grazie al supporto del Gruppo ZNEN. Questa sinergia consentirà a Moto Morini di realizzare una distribuzione a livello mondiale, favorendo una rapida penetrazione nel mercato Cinese e nel Sud-Est asiatico. Contestualmente verrà posta attenzione al miglioramento nell’allocazione dei costi per rendere maggiormente competitivo il marchio a livello globale. Il DNA e gli stilemi, che hanno reso famoso il marchio Moto Morini nel mondo, saranno condivisi e attualizzati da designer di fama internazionale al ne di ampliare la gamma dei modelli Moto Morini estendendola anche a cilindrate inferiori. Alle grosse 1200 verranno affiancate moto di cilindrata inferiore in risposta alla crescente richiesta del mercato. È nei piani aziendali presentarsi già alla prossima edizione di EICMA 2019 con i nuovi prodotti di 400 e 800 cc”.

Moto_Morini_Viviani_2018_6

Ma non è tutto…

“L’attuale gamma delle moto e delle e-bike Moto Morini, sarà affiancata da scooter e moto elettrici; senza escludere altri mezzi di trasporto Hi-tech. Dando così vita ad una realtà in grado di competere, per tecnologie pulite e per artigianalità costruttiva, con i grandi player del settore”.

Moto Morini: la rivoluzione cinese è già iniziata (alla grande)
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati