WP_User Object
(
    [data] => stdClass Object
        (
            [ID] => 19
            [user_login] => cuttitta
            [user_pass] => $P$Bg2tYW8MOFNTqm52T5MO9FkfNejox0.
            [user_nicename] => cuttitta
            [user_email] => g.cuttitta@motorionline.com
            [user_url] => 
            [user_registered] => 2016-11-22 10:03:40
            [user_activation_key] => 
            [user_status] => 0
            [display_name] => Gianluca Cuttitta
        )

    [ID] => 19
    [caps] => Array
        (
            [author] => 1
        )

    [cap_key] => wp_capabilities
    [roles] => Array
        (
            [0] => author
        )

    [allcaps] => Array
        (
            [upload_files] => 1
            [edit_posts] => 1
            [edit_published_posts] => 1
            [publish_posts] => 1
            [read] => 1
            [level_2] => 1
            [level_1] => 1
            [level_0] => 1
            [delete_posts] => 1
            [delete_published_posts] => 1
            [NextGEN Gallery overview] => 1
            [NextGEN Upload images] => 1
            [NextGEN Manage gallery] => 1
            [NextGEN Manage tags] => 1
            [NextGEN Edit album] => 1
            [NextGEN Use TinyMCE] => 1
            [NextGEN Manage others gallery] => 1
            [unfiltered_html] => 1
            [author] => 1
        )

    [filter] => 
)

Honda Forza 300 2018: riprogettato da zero e sempre più premium [PROVA SU STRADA]

Decisi i miglioramenti dal punto di vista pratico, debuttano la smart key, ora anche per il bauletto opzionale, il controllo di trazione e la regolazione elettrica per il parabrezza, resta la capacità del vano sottosella per 2 caschi

Honda Forza 300 Pratico e piacevole nel look, guadagna tanta tecnologia, anche nella nuova strumentazione con display multifunzione, comandabile tramite un pratico pulsante sul manubrio

Un look accattivante, finiture e dotazione da primo della classe e con moltissimo spazio in sella e sotto la sella. Queste sono le principali caratteristiche di Honda Forza 300, un modello importante per la casa dell’ala dorata, che con questa sua ultima generazione viene completamente riprogettato. Ha una forte personalità, che lo ha portato negli anni ad essere uno degli scooter di casa Honda di media cilindrata più stimato in Europa. L’inizio della storia di questo scooter risale a ben 18 anni fa. Era il 2000 infatti, quando al suo debutto si fece apprezzare subito dal pubblico, non solo per il suo look, ma anche per la praticità e l’efficienza. Honda dopo quattro anni implementò alcuni dettagli, facendolo gradire ulteriormente agli utenti, grazie ad una dotazione premium: dalla Smart-Key al controllo elettronico S-Matic per la trasmissione CVT. Non mancava già da allora, ovviamente, l’alimentazione a iniezione PGM-FI, che Honda aveva fatto debuttare addirittura nel 1995 per lo scooter “WAVE 125i”, destinato in quegli anni al mercato Thailandese.

Forza, di nome e di fatto. Sì, perché Honda negli anni continua a perfezionare questo scooter, apportando migliorie anche in termini di sicurezza. Basti pensare alle novità introdotte tra il 2005 ed il 2013. Si parla di impianto frenante ABS combinato, ma anche di un grande comfort, che il Forza sfoggia sia nella guida da soli che in coppia. Una praticità e doti da gran turismo, grazie alle quali risulta piacevole, anche nei trasferimenti extraurbani.

Come cambia oggi?
Honda_Forza_300_YM19_prova_su_strada_2018_14

Ma vediamo al presente. Oggi Honda Forza 300, con questa nuova generazione, si rinnova radicalmente. Uno scooter dallo spirito intelligente e sportivo, più compatto e leggero (12 Kg in meno), con un design più snello rispetto al modello precedente. Dopo l’enorme consenso ricevuto dal fratello minore, il Forza 125 che ha venduto nei 3 anni dal lancio oltre 30.000 esemplari in Europa, Honda rinnova profondamente il suo fratello maggiore, più compatto, ma sempre votato all’uso da “GT”.

Look elegantemente sportivo, con linee più compatte e decise rispetto al modello precedente
Honda_Forza_300_YM19_prova_su_strada_2018_17

Basta una rapida occhiata per confermare la somiglianza con il Forza 125. Linee compatte, con un maggiore senso di vivacità, danno a questo scooter di media cilindrata un tocco di eleganza. Parlando di equipaggiamento, il nuovo Forza 300 è molto completo. Rispetto al precedente modello,  migliora drasticamente sia nel design che nel comfort, affinando in primis l’ottima protezione aerodinamica Il nuovo parabrezza infatti, regolabile elettricamente attraverso un pratico comando sul blocchetto elettrico sinistro, incrementa la riparazione del pilota, permettendo una regolazione su un’escursione di ben 140 mm. La sella è ora leggermente più in alto, per migliorare la visibilità durante la guida.

La strumentazione presenta finiture curatissime, ha uno stile sempre più automobilistico, con quadranti analogici per tachimetro e contagiri, con al centro un ampio display LCD. Lo stesso risulta impostabile su tre tipi di visualizzazione, tramite comando sul blocchetto elettrico sinistro, presentando un menù completo che comprende: autonomia residua, consumo istantaneo, consumo medio, temperatura ambiente, voltaggio ricarica batteria e tempo di percorrenza. Uno scooter che si differenzia dalla concorrenza anche grazie alla meticolosa attenzione al dettaglio che Honda ha voluto utilizzare per il suo sviluppo. Si conferma il mitico vano sottosella, in grado di ospitare ben 2 caschi integrali, ma troviamo anche un comodo vano portaoggetti ricavato nel retro dello scudo anteriore, in grado di ospitare un cellulare con la possibilità di ricaricarlo attraverso una presa da 12V. Altri dettagli premium sono poi i fari di tipo Full-LED e la chiave elettronica Smart-Key, che è ora collegata anche all’opzionale top box da 45 litri. Il serbatoio del carburante ha una capienza di 11,5 litri.

Ciclistica rinnovata e peso ridotto rendono questo scooter maneggevole e pratico
Honda_Forza_300_YM19_prova_su_strada_2018_01

La ciclistica si sviluppa intorno ad un telaio tutto nuovo, in acciaio e con un peso che è stato ridotto dalla versione precedente. Il peso complessivo del nuovo Forza 300 è ora di 182 kg, con il pieno di benzina, ben 12 in meno. Sempre parlando di numeri, le misure della ciclistica sono ora votate ad una guida più brillante, con un interasse di 1.510 mm (-36 mm), inclinazione del cannotto di sterzo di 26,5° (era 27°) e avancorsa di 89 mm. Per quanto riguarda questa nuova versione, si rileva il miglioramento della centralizzazione delle masse, garantito dal posizionamento in modo diverso del radiatore e della batteria, ora localizzati tra il serbatoio benzina ed il vano sottosella. L’Honda Forza 300 è lungo 2.140 mm, con sella a 780 mm da terra, che garantisce una guida più eretta e naturale, migliorando il piacere rispetto alla vecchia versione (che era lunga 2.165 mm con altezza della sella di 842 mm). Basta sedersi in sella per percepire la differenza, mentre nei ristretti spazi cittadini risulta più maneggevole e pratico. In azione si gradisce subito l’ottima taratura del comparto sospensioni che, specie all’anteriore con una forcella con steli da 33 mm, risultano più reattive e pronte. Al posteriore, dove troviamo un forcellone in alluminio con una fusione unica, i doppi ammortizzatori sono regolabili nel precarico molla su 7 posizioni. Per quanto riguarda la misura dei cerchi, anche qui il nuovo Honda Forza 300 2018 si è voluto differenziare dal suo “antenato”, crescendo di 1”, con l’anteriore da 15 ed il posteriore da 14. Gli pneumatici passano a misure di 120/70 (anteriore) e 140/70 dietro. A completare il quadro ci pensano l’impianto frenante, che adotta i dischi da 256 mm con pinza a 2 pistoncini per l’anteriore, mentre al posteriore troviamo un disco da 240 mm con pinza a singolo pistoncino. Da sottolineare che la scelta dell’azienda giapponese è ricaduta su ottime gomme di primo equipaggiamento, troviamo infatti le Pirelli Diablo Scooter. L’ABS è ovviamente di serie e garantisce frenate sicure.

Il motore è il conosciutissimo monocilindrico dell’SH300, ma con alcune modifiche
Honda_Forza_300_YM19_prova_su_strada_2018_06

Passiamo al capitolo motore. Iniziamo col dire che il Forza 300 monta lo stesso motore del vendutissimo SH300, leader incontrastato della categoria scooter medi. Un motore a iniezione, capace di 25,2 CV a 7.000 giri/min, 4 valvole raffreddato a liquido da 279 cc, monoalbero (SOHC). Anche qui Honda ha però voluto apportare alcune modifiche. Infatti, per ottimizzare l’erogazione, sono stati implementati alcuni interventi lato condotti, accensione e distribuzione. Oltre ad essere apprezzato a qualsiasi regime, il propulsore risulta efficiente anche nei consumi, dove è leggermente migliorato. Honda garantisce percorrenze di 32,7 km/l nel ciclo medio, con un’autonomia di circa 370 km. Per la prima volta su uno scooter Honda, è stato poi introdotto il controllo di trazione, di cui ormai si sente molto spesso parlare, non solo per le moto supersportive. Questo sistema funziona rilevando qualsiasi differenza di velocità tra la ruota anteriore e posteriore, per calcolare la percentuale di slittamento e, in seguito, calibrare la coppia motrice tramite l’iniezione elettronica, per consentire alla ruota posteriore di recuperare trazione. Questo raffinato sistema, attraverso un interruttore sul blocchetto sinistro al manubrio, può essere attivato/disattivato a proprio piacimento. La trasmissione V-Matic con cinghia V-Belt prevede rapporti impostati per accelerazioni rapide e riprese brillanti.

Volete sapere quanto costa il nuovo Honda Forza 300?
61452_Honda Forza 300 YM19 023

Il costo del nuovo Forza 300 è di 5.790 euro, prezzo lancio che durerà fino al prossimo autunno, che ritocca il precedente importo di 5.350, ma sarebbe stato impossibile non risentire delle tante novità e di una dotazione che si è fatta molto più ricca. Quanto ai colori, è disponibile nelle seguenti 4 tinte: Crescent Blue Metallic, Pearl Nightstar Black, Matt Cynos Grey Metallic, Matt Pearl Cool White. Inoltre, la gamma di accessori di casa Honda per il Forza 300 prevede: un portapacchi posteriore, il bauletto da 45 litri per 2 caschi integrali (con apertura gestita tramite Smart-Key), borsa bauletto interna, un antifurto ed infine, per l’inverno, è possibile avere le manopole riscaldabili.

La nostra prova
Honda_Forza_300_YM19_prova_su_strada_2018_08

L’attenzione per il design di questo nuovo modello, è evidente fin dal primo sguardo, con linee più snelle e compatte rispetto al modello precedente con un tocco di sportività che trae ispirazione dal fratello minore, il Forza 125. Salito in sella e percorso qualche chilometro di sane e trafficate strade cittadine della Costa Azzurra, direzione Montecarlo, iniziamo a fare conoscenza con il nuovo Forza 300. Ha certamente un gran bel motore, poi è equilibrato e inaspettatamente maneggevole, si lascia guidare con facilità e si dimostra potente al punto giusto, oltre che capace di tenere un passo sorprendente sul misto. Sulle strade di montagna che ci accompagnano verso Monaco, una tra le più esclusive città al Mondo, ci si gode il percorso quasi fosse una moto. Il Forza 300 riprende bene fin da 3.000 giri ed è dolce e progressivo. La sella bassa permette a tutti di appoggiare bene i piedi da fermo e, grazie al suo peso contenuto (182 kg con il pieno di benzina), è facile da manovrare. I blocchetti sono lì a portata di dito, mentre la strumentazione molto bella è chiara, ben leggibile ed offre tutte le informazioni necessarie per il viaggio, c’è addirittura la temperatura ambiente, che ha segnato la soglia dei 33 gradi nel nostro caldo test. Queste sue doti lo fanno apprezzare anche negli spostamenti extraurbani, dove ha saputo convincerci ed anche stupirci, in quanto non si è mai trovato in difficoltà. Nei tornanti di montagna, tra curve e controcurve, sfoggia una maneggevolezza disarmante. In modo naturale è in grado di raccordare dignitosamente anche i tornanti più stretti, dove si è dimostrato all’altezza del nome che porta.

Honda_Forza_300_YM19_prova_su_strada_2018_21

La posizione di guida, con le gambe distese in avanti, invita a viaggiare in modo naturale, ma il Forza 300, in realtà ha una ciclistica agile e reattiva a tutte le velocità. Risulta ben bilanciato e sicuro, non ondeggia sui curvoni a velocità sostenute e, grazie al manubrio stretto, risulta pratico da manovrare nei ristretti spazi cittadini. Il baricentro basso aiuta a scendere in piega velocemente e senza nessuna preoccupazione per il pilota.
Le sospensioni, morbide quanto basta, filtrano bene le strade anche più rovinate, mentre i freni con ABS garantiscono sicurezza in tutte le condizioni.  La sua azione è modulabile e progressiva, mentre se c’è bisogno di una risposta più vigorosa bisogna stringere le leve con un po’ di decisione. Giudizio molto positivo, a nostro avviso, anche per il parabrezza regolabile a proprio piacimento, ma la chicca è che si può alzare ed abbassare elettricamente durante il proprio percorso, senza nessun fastidio e senza togliere le mani dal manubrio, garantendo una protezione totale al guidatore, quando si trova in posizione rialzata. Comodo anche il sottosella, che può ospitare due caschi integrali e, tramite una paratia interna, si può ripartire lo spazio per riporre anche oggetti diversi. Infine una nota sui consumi, contenuti, abbiamo percorso circa 33,5 chilometri con un litro (addirittura andando oltre il dato dichiarato), che si traduco in una autonomia da gran turismo, ma tutto sul nuovo Forza 300 fa venir voglia di viaggiare e non solo di usarlo per andarci in ufficio in settimana.

Honda_Forza_300_YM19_prova_su_strada_2018_09

Abbigliamento del tester:
Giacca: Alpinestars Wake Air
Pantaloni: Alpinestars Crank Denim Pants
Guanti: Alpinestars Atom
Scarpe: Alpinestars Stadium
Casco: LS2 Twister

Honda Forza 300 2018: riprogettato da zero e sempre più premium [PROVA SU STRADA]
3.5 (70%) 2 votes
Leggi altri articoli in Prove su Strada

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati