Ernesto Marinelli: “Porto in Termignoni la metodologia delle corse”

"È un approccio molto utile per lo sviluppo di nuovi prodotti perché permette di ottenere i risultati"

Intervista al Direttore Prodotto e Direttore Tecnico di Termignoni: "Mi aspetto un’azienda che cresce ma che rimane flessibile e versatile. Il nostro jolly è il Made in Italy"
Ernesto Marinelli: “Porto in Termignoni la metodologia delle corse”Ernesto Marinelli: “Porto in Termignoni la metodologia delle corse”

Termignoni – Nelle scorse settimane è arrivato l’annuncio ufficiale, ma da ora inizia l’avventura di Ernesto Marinelli in qualità di Direttore Prodotto e Direttore Tecnico di Termignoni. Un salto importa nella carriera di ungono che ha le proprie radici in Ducati e più in generale nelle competizioni: “Questa collaborazione nasce innanzitutto dall’ottimo rapporto che ho sempre avuto con Luigi Termignoni, prima, con Michele e Marco Burnengo, dopo. Ma anche da tante altre cose: dalla mia passione per gli scarichi e per la fluidodinamica, che mi accompagna dai tempi dell’università e a cui mi è sempre piaciuto dedicare attenzione, ma soprattutto dalla voglia di essere complice nel processo di rilancio dell’azienda, nel suo cambio generazionale. Nel corso degli anni ho avuto modo di occuparmi di diversi aspetti del mondo moto: questa nuova esperienza mi permetterà di vedere anche dell’altro, di avere una visione ancora più ampia. Poi, poter organizzare e gestire con ulteriore autonomia il team di tecnici di progettazione ed R&D è una grande motivazione perché credo che solo avendo un gruppo affiatato e compatto si riesca a dare il meglio. Mi si presenta una sfida molto stimolante oltre che una grande occasione di crescita“.

Con me porterà sicuramente il metodo che ti danno le competizioni e la visione di insieme. L’esperienza nelle corse ti insegna a semplificare le complessità ricorrendo a soluzioni semplici, insegna a stabilire le priorità e a ottimizzare il tempo – ha aggiunto -. È un approccio molto utile per lo sviluppo di nuovi prodotti perché permette di ottenere i risultati cercando di trovare la risposta giusta al momento giusto. Mi porto dietro anche la passione per i sistemi di scarico, che in una moto rappresentano una parte fondamentale dell’estetica e delle prestazioni. Le competenze date dall’esperienza sono importanti ma penso anche che nella vita non si finisca mai di imparare e sicuramente avere un atteggiamento positivo ed una mente aperta è indispensabile per fare un buon lavoro“.

Ernesto Marinelli_Termignoni-2

D: Il mondo degli scarichi moto si è evoluto parecchio e negli ultimi tempi si è esteso a nuove fasce di mercato, ma c’è ancora tanto da fare: “È vero, è un mercato molto più difficile rispetto a dieci anni fa. Il segmento delle supersportive si è ridotto, mentre crescono le altre fasce. Questo perché è aumentata la varietà della domanda, quindi avere una gamma estesa di prodotti è diventato indispensabile. Da questo punto di vista Termignoni con la propria gamma risponde già a diverse esigenze. Ma ci concentreremo su questo fronte, puntando a rafforzare le partnership attuali e a instaurarne delle nuove, per ampliare la varietà dell’offerta sia nelle applicazioni richieste dalle case ma anche nell’aftermarket libero. Credo che oggi la concorrenza sia molto serrata. Ci sono competitor molto forti sul piano industriale ed altri molto concentrati su settori specifici. Penso che Termignoni continui ad essere un riferimento che fa della artigianalità e creatività italiana i suoi punti di forza. Il Made in Italy ed il design devono continuare ad essere la nostra forza, insieme alla velocità con cui lanciamo nuovi prodotti. Lo sviluppo di nuove tecnologie e materiali dovrà essere un riferimento importante per rimanere leader in questo settore“.

La chiusura non poteva che essere sui programmi e sugli obiettivi nel prossimo futuro: “Abbiamo un elenco già corposo di nuovi prodotti da creare, la nuova V4 di Borgo Panigale richiederà un design molto speciale, vogliamo crescere nella gamma dedicata a BMW e un altro settore su cui spingeremo è il segmento slip on che rappresenta un entry level importante per la gamma. Vorrei creare anche una possibilità di customizzazione per fare in modo che ogni moto possa avere un prodotto personalizzato in base al modello e alle esigenze del cliente/pilota. Gli obiettivi? Mi aspetto un’azienda che cresce ma che rimane flessibile e versatile, che sappia rispondere ai cambiamenti del mercato ed alle esigenze dei propri clienti in modo veloce e preciso, caratteristica di cui Termignoni è già protagonista. Se dovessi fare un paragone, direi che Termignoni fra i sui competitor non deve trasformarsi in una nave difficile da governare in un mare pieno di ostacoli ma rimanere un motoscafo agile e veloce che sa cambiare rotta e velocità quando è necessario. È un’azienda giovane e dinamica quindi mi aspetto che mantenga questa capacità di essere flessibili. La nostra produzione non deve essere di massa ma mantenere la cura artigianale tipica di chi punta alla qualità prima che alla quantità. Dobbiamo investire sulla tecnologia e sulla ricerca di nuovi materiali per garantire sempre l’eccellenza, ma senza mai tradire la natura artigianale che la caratterizza. In fondo è proprio questa la forza di Termignoni: la cura artigianale resa possibile dalle persone su cui l’azienda crede e investe da sempre“.

Leggi altri articoli in

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati