WP_User Object
(
    [data] => stdClass Object
        (
            [ID] => 13
            [user_login] => Alberto Lattuada
            [user_pass] => $P$BkdROj2EpeazSWOS1UHNlABN6gXVW61
            [user_nicename] => alberto-lattuada
            [user_email] => info@maneki.it
            [user_url] => 
            [user_registered] => 2014-08-27 14:11:25
            [user_activation_key] => $P$BRVdLjTVwzINf4BkUxtT.QilbbIEW4.
            [user_status] => 0
            [display_name] => Alberto Lattuada
        )

    [ID] => 13
    [caps] => Array
        (
        )

    [cap_key] => wp_capabilities
    [roles] => Array
        (
        )

    [allcaps] => Array
        (
        )

    [filter] => 
)

Nuove Triumph Street Triple R e S, la top di gamma RS non rimarrà sola

Ci sono anche due altre belle novità

Nuove Triumph Street Triple R e S, la top di gamma RS non rimarrà solaNuove Triumph Street Triple R e S, la top di gamma RS non rimarrà sola

Triumph Street Triple R e S – Oltre alla top di gamma Street Triple RS, Triumph offrirà altre due novità, la S e la R.

Triumph Street Triple R

La Triumph Street Triple R sarà disponibile da maggio 2017 e si posizionerà tra la S e RS. E’ difficile individuare differenze tra la R e la RS. Quest’ultima ha 5 CV in più, mentre la coppia massima è identica. Le pinze anteriori sono Brembo M4.32 monoblocco e sono più che all’altezza del compito, mentre la Showa Separate Function Big Piston Fork è improbabile che possa deludere. C’è anche il monoammortizzatore Showa completamente regolabile. Sono, invece, quattro i rider mode: Rain, Road, Sport e Rider Programmable.

Triumph Street Triple S

Sarà disponibile da aprile 2017. L’entry level avrà la S finale. In UK, hanno confermato il prezzo 8000 sterline e certamente sarà il modello “più semplice” della gamma, questo non vuol dire che sia privo di carattere. La potenza è in crescita del 6,6% rispetto al vecchio 675, il che significa 112 CV @ 11,250 rpm e coppia 72,94 Nm. All’anteriore troviamo la non regolabile Showa Separate Function Fork (SFF) e un monoammortizzatore Showa regolabile nel precarico al posteriore. I freni sono un altro punto chiave e per questo abbiamo l’ABS di serie.

La S è anche l’unico modello non caratterizzato dal nuovo 5″ TFT, ma ha una nuova serie di indicatori, rubacchiati dalla Speed ​​Triple, attraverso i quali è possibile visualizzare tutte le informazioni, oltre che a tenere sotto controllo due nuovi Rider mode (Road and Rain) ed il controllo di trazione commutabile.

Street Triple S per patenti A2

Come se tre nuovi modelli non fossero stati sufficienti, ci sono due ulteriori opzioni. La prima è una versione basato sul modello S e utilizzabile con la patente A2. È visivamente identica alla S, ma in realtà vanta un motore completamente diverso derivato dal 675cc triple. Con un nuovo alesaggio e una corsa di 76 x 48,48 millimetri, è in realtà un 660cc, che 95 CV. Sarà disponibile da giugno 2017.

Nuova ‘Low Ride Height’ Street Triple R

Qui l’altezza del sedile è di 780 millimetri. Piuttosto che semplicemente rimuovendo tutta l’imbottitura del sedile, Triumph ha dotato questo modello di una serie di cambiamenti che consentono di preservare le caratteristiche di maneggevolezza su strada, accogliendo anche le gambe più corte. La forcella è della R, ma la corsa è ridotta per abbassare efficacemente il front-end. Anche l’ammortizzatore posteriore è simile allo Showa della R, ma è più corto, eliminando in tal modo la possibilità di regolazione del rebound, mentre la regolazione del precarico rimane. Il profilo del sedile è anche marginalmente più basso, mentre sedile e telaietto rimangono invariati. In tutti gli altri aspetti è identica alla R.

La gamma debutterà ufficialmente al MCN London Motorcycle Show il 17 Febbraio.

Nuove Triumph Street Triple R e S, la top di gamma RS non rimarrà sola
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati