Yamaha T-Max: sesta generazione, tre declinazioni

Rinnovato e ora disponibile in tre versioni

Yamaha T-Max: sesta generazione, tre declinazioniYamaha T-Max: sesta generazione, tre declinazioni

Yamaha T-Max – Una delle novità portata dalla casa giapponese alla fiera di Milano Eicma 2016, é il nuovo Yamaha T-Max. Ben 15 anni dopo il primo modello, ecco che arriva la sesta generazione di uno dei maxi scooter più venduti in Europa. Ben tre versioni disponibili: lo Standard per i clienti “meno esigenti”, l’SX per chi cerchi più sportività e il modello DX per chi voglia qualche accessorio che permetta di viaggiare più comodamente. Le linee sono rimaste più o meno invariate, ma il muso dello scooter risulta essere più compatto, con delle “palpebre” sopra il faro, che lo rendono più accattivante. Ci sono 4 Led, più le luci di posizioni e, poco sotto, le belle frecce integrate nella carena. Il forcellone posteriore é leggermente più lungo, portando la gomma posteriore poco più in fuori rispetto al modello precedente. La cinghia rimane a vista, ma riusciamo a vedere meglio il carter motore. Il motore resta il 530 cc a trasmissione automatica, ma passa ad Euro 4 grazie a delle modifiche per filtro aria, catalizzatore ed impianto di scarico. La cinghia di trasmissione ora é in fibra di carbonio, quindi più rigida e leggera della precedente. Il telaio é stato riprogettato. Tutte queste modifiche di materiali e ciclistica hanno portato ad una perdita di ben 9 Kg rispetto alla quinta serie. Il nuovo disegno del telaio ha permesso di montare il mono ammortizzatore posteriore in maniera orizzontale, con leveraggi progressivi per poter avere una risposta più dolce e progressiva alle sollecitazioni dell’asfalto. L’elettronica aumenta e troviamo, per la prima volta su uno scooter a trasmissione automatica, l’utilizzo del ryde-by-wire che ha permesso di adottare un nuovo sistema, volendo disinseribile, per il controllo della trazione (TCS). Diventa più grande e quindi più comodo, per l’utilizzo giornaliero, il vano sottosella. La strumentazione si rinnova, ma non diventa totalmente digitale. Saranno visibili le spie del TCS, ABS e, per i modelli SX e DX, il D-Mode (possibilità di modificare le mappature del motore). Solo per il modello DX ci saranno anche il Cruise Control, il parabrezza regolabile elettronicamente, oltre che sella e manopole riscaldate. Su tutti i modelli sarà presente la nuova generazione dello Smart Key (accensione senza chiave) con blocco del cavalletto centrale. I due modelli più accessoriati saranno equipaggiati anche, del nuovo ed interessante My T-Max Connect che, scaricando una semplice App sul proprio SmartPhone, permette di vedere vari dati del proprio mezzo, ma soprattutto, localizzarlo e poter azionare clacson e frecce da remoto in caso di emergenza e/o tentativo di furto. Il modello Standard verrà venduto in una solo colorazione MidNight Black mentre i modelli SX e DX saranno disponibili con colori esclusivi.

Leggi altri articoli in EICMA 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati