WP_User Object
(
    [data] => stdClass Object
        (
            [ID] => 20
            [user_login] => mirkocomitoviola
            [user_pass] => $P$BlO4x/zR3dhBNgGJgJTEjQ3oqLEIK10
            [user_nicename] => mirkocomitoviola
            [user_email] => m.comitoviola@motorionline.com
            [user_url] => 
            [user_registered] => 2016-11-22 10:05:14
            [user_activation_key] => 
            [user_status] => 0
            [display_name] => Mirko Comito Viola
        )

    [ID] => 20
    [caps] => Array
        (
            [author] => 1
        )

    [cap_key] => wp_capabilities
    [roles] => Array
        (
            [0] => author
        )

    [allcaps] => Array
        (
            [upload_files] => 1
            [edit_posts] => 1
            [edit_published_posts] => 1
            [publish_posts] => 1
            [read] => 1
            [level_2] => 1
            [level_1] => 1
            [level_0] => 1
            [delete_posts] => 1
            [delete_published_posts] => 1
            [NextGEN Gallery overview] => 1
            [NextGEN Upload images] => 1
            [NextGEN Manage gallery] => 1
            [NextGEN Manage tags] => 1
            [NextGEN Edit album] => 1
            [NextGEN Use TinyMCE] => 1
            [NextGEN Manage others gallery] => 1
            [unfiltered_html] => 1
            [author] => 1
        )

    [filter] => 
)

Honda CBR1000RR, dopo SP ed SP2 arriva la “standard”

Honda CBR1000RR, dopo SP ed SP2 arriva la “standard”Honda CBR1000RR, dopo SP ed SP2 arriva la “standard”

Honda CBR1000RR – Dopo la presentazione ad Intermot della Honda CBR1000RR in versione SP ed SP2, ad EICMA i riflettori sono per il modello standard, la nuova RR Fireblade: un modello destinato agli appassionati forse meno estremi nelle loro esigenze ed un pò più attenti al prezzo. Honda la porta in colore rosso e nero opaco. Analizzandola esteticamente non troviamo alcuna differenza con le versioni di Intermot, il faro anteriore é il bellissimo Full Led, frecce negli specchietti, cruscotto a colori ed un bello scarico in titanio. Ciclisticamente invece, troviamo all’anteriore forcella da 43 mm Showa (Sp ed Sp2 montano Ohlins semi-attive), un monoammortizzatore sempre Showa, dotato di tecnologia Balance Free Rear Cushion (BFRC), che lavora accoppiato ad un forcellone più rigido della “vecchia” CBR ed un ammortizzatore di sterzo elettronico. Sotto la bella carena troviamo un motore 4 cilindri capace di tirare fuori ben 192 cv (+11), il tutto per 195 Kg (-15) di peso con il pieno di benzina! Un rapporto peso potenza migliorato di quasi il 15% ed in linea con le rivali più accreditate. Non manca l’elettronica e, infatti, troviamo: acceleratore ryde-by-wire, varie mappature disponibili, controllo di trazione, ABS e la possibilità di regolare il freno motore. Manca solo il cambio elettronico a salire ed in scalata, presente sulle versioni più costose. Rimaniamo in attesa che venga svelato il prezzo e di iniziare a vederla per strada ed in pista, ma soprattutto di provarla!

Honda CBR1000RR, dopo SP ed SP2 arriva la “standard”
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in EICMA 2016

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati

EICMA 2016

Honda cala gli assi per Eicma 2016

Il nuovo X-ADV e la CBR1000RR Fireblade le due novità più attese
Una delle novità più attese dell’intero Eicma 2016 si chiama X-ADV, un concetto nuovo, che dopo essersi mostrato in chiave