WP_User Object
(
    [data] => stdClass Object
        (
            [ID] => 13
            [user_login] => Alberto Lattuada
            [user_pass] => $P$BkdROj2EpeazSWOS1UHNlABN6gXVW61
            [user_nicename] => alberto-lattuada
            [user_email] => info@maneki.it
            [user_url] => 
            [user_registered] => 2014-08-27 14:11:25
            [user_activation_key] => $P$BRVdLjTVwzINf4BkUxtT.QilbbIEW4.
            [user_status] => 0
            [display_name] => Alberto Lattuada
        )

    [ID] => 13
    [caps] => Array
        (
        )

    [cap_key] => wp_capabilities
    [roles] => Array
        (
        )

    [allcaps] => Array
        (
        )

    [filter] => 
)

EICMA 2016: al via a Milano la più importante esposizione mondiale delle due ruote

Oltre 1.143 espositori, provenienti da 38 paesi

EICMA 2016: al via a Milano la più importante esposizione mondiale delle due ruoteEICMA 2016: al via a Milano la più importante esposizione mondiale delle due ruote

EICMA 2016 – E’ stata inaugurata oggi EICMA 2016, la 74° Esposizione internazionale del Ciclo, Motociclo e Accessori. A Rho Fiera fino al 13 novembre, torna l’esposizione di moto, bici e scooter più importante del pianeta. Alla cerimonia di apertura, presso il Centro Congressi Stella Polare della Fiera di Rho, sono intervenuti: Roberta Pinotti (Ministro della Difesa), Vincenzo Boccia (Presidente di Confindustria); Antonello Montante (Presidente di EICMA S.p.a. e “padrone di casa”); Giuseppe Sala (Sindaco di Milano); Roberto Maroni (Presidente della Regione Lombardia); Luisa Todini (Presidente di Poste Italiane spa), Corrado Capelli (Presidente Confindustria Ancma); Alfio Morone (Presidente Fondazione italiana per le 2 Ruote); Corrado Peraboni (Amministratore Delegato Fiera Milano); Benito Benedini (Presidente Fondazione Fiera Milano).

Nel 2014, l’Esposizione ha festeggiato i suoi primi 100 anni. Il salone e Milano, dunque l’Italia, diventano il volano di una visione del presente e del futuro che nobilita e mostra come i veicoli a due ruote siano protagonisti del nuovo concetto di mobilità, oltre che ispiratori di una pur sempre forte e radicata passione. Questi elementi insieme danno vita a un momento espositivo che realizza obiettivi sia B2B sia B2C e che consente di raggiungere target eterogenei, anche grazie alle aree speciali dedicate a start up e imprese innovative, e-Bike, settore custom e sicurezza stradale. Un punto di riferimento e un appuntamento capace di proporre temi ben al di là delle due ruote tesi a raccogliere le esigenze della società civile anche attraverso la contaminazione con altri settori.

L’Esposizione internazionale Ciclo e Motociclo, oltre al successo di pubblico, si conferma ogni anno un’occasione fondamentale per le aziende grazie al ricco programma B2B. La copertura mediatica ha sancito che è l’evento dedicato alle due ruote più importante del mondo e l’unico in grado di raccontare il settore in ogni suo aspetto:Rispetto al 2014, si registrano +12.29% espositori confermati e +12% di superficie netta venduta, con un occupato lordo che si attesta sui 280.000 mq.

L’Italia è il Paese europeo che vanta il maggiore parco circolante di veicoli motorizzati a due ruote, 8,5 milioni di veicoli >50cc e 2 milioni di ciclomotori=50cc (il 27% del totale europeo). Tale parco circolante genera un valore di utilizzo che supera gli 11 mld, in particolare i premi assicurativi ammontano a 6,4 mld, a cui si aggiungono le spese per il carburante (2,8mld) le riparazioni (1 mld), accessori, pneumatici e tassa di circolazione (1 mld). In termini di gettito erariale il settore contribuisce per 3,6 mld, di cui quasi il 50% è relativo alle accise e IVA sul carburante, seguue l’aliquota sul premio RC, l’IVA su riparazioni e accessori, la tassa di possesso etc. L’industria nazionale produce più veicoli (288 mila nel 2015) di quanti ne immatricoli (194 mila) e può vantare un saldo della bilancia commerciale positivo da oltre vent’anni, con un valore cumulato di oltre 10 miliardi di euro; produce più del 50% dei veicoli che escono dalle fabbriche europee. La componentistica italiana del comparto storicamente vanta un eccellente livello manifatturiero, all’avanguardia a livello europeo. Negli ultimi anni, purtroppo subisce la concorrenza extra-europea (il 75% dell’import proviene dal far-east asiatico), che produce principalmente parti per scooter o motocicli di piccola cilindrata, spesso praticando politiche di prezzo al limite del dumping.

EICMA 2016: al via a Milano la più importante esposizione mondiale delle due ruote
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in EICMA 2016

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Articoli correlati

Eventi

EICMA 2018: la macchina organizzativa è già partita

Andrea Dell’Orto: "Siamo al lavoro perché l’edizione di quest’anno possa nuovamente lasciare un segno importante nel settore"
Si avvicina l’appuntamento con EICMA 2018, l’Esposizione Internazionale del Ciclo, Motociclo e Accessori, che per la sua 76esima edizione torna