WP_User Object
(
    [data] => stdClass Object
        (
            [ID] => 13
            [user_login] => Alberto Lattuada
            [user_pass] => $P$BkdROj2EpeazSWOS1UHNlABN6gXVW61
            [user_nicename] => alberto-lattuada
            [user_email] => info@maneki.it
            [user_url] => 
            [user_registered] => 2014-08-27 14:11:25
            [user_activation_key] => $P$BRVdLjTVwzINf4BkUxtT.QilbbIEW4.
            [user_status] => 0
            [display_name] => Alberto Lattuada
        )

    [ID] => 13
    [caps] => Array
        (
        )

    [cap_key] => wp_capabilities
    [roles] => Array
        (
        )

    [allcaps] => Array
        (
        )

    [filter] => 
    [site_id:WP_User:private] => 1
)

Moto Guzzi: V9 Roamer e V9 Bobber le regine di EICMA 2015 [FOTO LIVE]

C'è anche la MGX-21

Moto Guzzi – Moto Guzzi annuncia un grande ampliamento della gamma 2016 per il 95° anniversario della casa, fondata nel 1921 nel mitico stabilimento di Mandello del Lario dove il “Marchio dell’Aquila” tuttora ha sede e linee produttive.

Le novità che vedremo quest’anno ad Eicma, iniziata ieri a Rho Fiera, prevedono in primis la nuovissima V9, con il nuovo il motore a V da 850cc con trasmissione a cardano, nuovo telaio e design, la V9 Bobber, dalle grandi gomme, leggera e facile, che guarda agli States, e la V9 Roamer, una magnifica custom di media cilindrata. All’America della Route 66 e dei grandi viaggi coast to coast si ispira, invece, la MGX-21, una grande “bagger” 1400cc che nel passaggio da show bike a modello di serie (sarà presentata nell’agosto 2016 a Sturgis) non ha dovuto subire compromessi.

Guarda invece alla storia Guzzi la nuova V7 II Stornello, che recupera il nome, lo stile e la tecnica (colori, gomme tassellate e scarico alto) delle primissime moto italiane trasformate in scrambler negli anni ’60 e ’70, a partire dallo Stornello originale.

Moto Guzzi: V9 Roamer e V9 Bobber le regine di EICMA 2015 [FOTO LIVE]
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in EICMA 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati