Honda Forza 125 ABS, prova su strada 2015

Gran turismo entry level con patente A o solo B

Honda Forza 125 ABS: Che punti ad un pubblico soprattutto automobilistico lo dimostra il fatto che per il suo debutto lo scorso anno fu scelto proprio il salone dell’auto di Parigi e non quello di Colonia delle moto che si svolgeva in contemporanea. Ciò che però fa del nuovo Honda Forza 125 uno degli scooter più interessanti nel suo segmento è l’aspetto “da grande” e la propensione ad un utilizzo anche extraurbano, da GT. Pur essendo un 125 mette a disposizione un pacchetto molto interessante, un look azzeccato, una capacità di carico da record (nel sottosella si possono riporre due caschi integrali ed avanza ancora spazio), ma anche prestazioni molto buone grazie ai 15 cavalli, con un discreto spunto da fermo ed una velocità massima che gli consentirebbe senza problemi di circolare su tangenziali ed autostrade, se solo le norme glielo consentissero. Noi ci abbiamo fatto alcuni spostamenti da oltre 60 chilometri viaggiando davvero comodi, con l’unica preoccupazione di cercare un percorso consentito a veicoli di questa cilindrata.

Estetica e finiture:

Voto: ★★★★½ 

Look da maxi, qualità al top
Honda_Forza125_prova_su_strada_2015_estetica

L’assenza di qualsiasi logo o scritta con la cilindrata non sembra essere casuale. Il Forza 125 vuole essere un 125 con il look da maxi e ci riesce davvero molto bene. Se considerate che nel periodo di prova in molti lo hanno scambiato per uno scooter di media cilindrata, alcuni da nemmeno troppo lontano addirittura per il più sportivo dei maxi scooter, il risultato sembra essere stato raggiunto. Non siamo però di fronte ad un goffo tentativo con tanta plastica per dargli i volumi desiderati, ma di un vero e proprio maxi scooter 125, il cui propulsore vedremo non essere nemmeno in crisi a portarsi a spasso i suoi 159 Kg in ordine di marcia. Forse è la prima volta che siamo di fronte ad un 125 con queste caratteristiche. Gruppi ottici full LED e qualità da far invidia a tanti scooter di cilindrata superiore, anche delle Case più blasonate. Il confronto con i concorrenti di media cilindrata (a cui peraltro si avvicina con il suo prezzo di listino) è retto senza alcun problema, anzi, in molti aspetti la spunta proprio il Forza 125 per dotazione e qualità. Strizza l’occhio al pubblico automobilistico, quindi a chi ha la sola patente B, come è normale che sia per un 125, con il plus di una dotazione davvero molto completa: ABS, Start&Stop e molto altro. Il quadro strumenti ad esempio è chiaramente di aspetto automobilistico, con i due strumenti circolari ed un display che snocciola i dati, inclusi quelli del consumo medio, suddiviso tra i due trip parziali, oltre che quello istantaneo. Il blocchetto di accensione è datato di un sistema di protezione per evitare che pioggia ed intemperie possano rovinare la serratura e, posizionato sullo scatto intermedio tra la posizione di accensione e di spegnimento, mette in funzione i due tasti per aprire sella e accesso al serbatoio, con un comando elettrico. Il vano è ben rifinito, di ottime dimensioni (48 litri, ci stanno comodamente due casci integrali) e con uno spazio laterale comodo per riporre i piccoli oggetti. Oltre a restare aperto da solo, ha una comodissima paratia che può essere utilizzata in addirittura 4 posizioni per dividere come meglio si crede il tanto spazio a disposizione. Ha infatti due alloggiamenti ed è asimmetrica. Nella posizione anteriore può essere collocata in due configurazioni differenti in base al senso in cui la si posiziona, una sagoma sul fondo del vano la mantiene ben ferma in posizione. La quarta opzione è senza paratia, in modo da utilizzare l’intero vano in tutta la sua estensione. Un altro vano frontale sul lato sinistro del retroscudo, molto profondo e dotato di presa 12 volt consente di riporre oggetti durante la marcia, mentre è consigliato svuotarlo quando ci si ferma, non essendo prevista una serratura per chiuderlo. In generale la sensazione che si ha fin dal primo sguardo e che viene piacevolmente confermata osservandolo più da vicino, è che il Forza 125 sia stato realizzato senza risparmiare nulla. Il livello delle finiture, l’attenzione per il dettaglio e la qualità dei materiali e degli accoppiamenti delle plastiche sono allineati con quelli dei modelli di punta di media e grossa cilindrata. Tanto per fare qualche esempio, gli specchietti sono davvero ben realizzati e con indicatori di direzione integrati, la doppia colorazione è un altro dettaglio che conferma la cura e l’attenzione dedicata ad un prodotto che si vuole posizionare sopra a tutti gli altri 125. Anche protezione aerodinamica ed ergonomia sono ben studiate, si sta comodi e ben protetti grazie alla carenatura ed al cupolino / parabrezza regolabile manualmente in 6 posizioni, con una escursione di ben 120 mm tra la più alta e la più bassa.

Motore e prestazioni:

Voto: ★★★★★ 

Allungo da record e buono spunto
Honda_Forza125_prova_su_strada_2015_motore

Che il nuovo Honda Forza 125 voglia essere al top del suo segmento non si vede solo dal punto di vista estetico. Il motore infatti non è da meno e sfoggia 15 cavalli (11 Kw) espressi a 8.750 giri. Si tratta del massimo che possa essere omologato per un 125. Spesso alcuni 150 non riescono a far tanto e, anche per questo motivo, ci è parso assurdo che si possa circolare con uno scooter come questo nemmeno per un breve tratto di tangenziale (speriamo che prima o poi arrivi questa tanto attesa modifica al codice stradale). L’unità da 125 cc è raffreddata a liquido, con distribuzione monoalbero a 4 valvole ed offre, grazie anche ad una adeguata taratura della trasmissione, la massima spinta a tutti i regimi. La potenza gli consente quindi uno spunto buono, superiore ai concorrenti anche con una stazza piuttosto importante, ma soprattutto un allungo di rilievo. Il Forza 125 sale rapido di velocità fino a circa 110 Km/h indicati, per assestarsi poi intorno ai 120. In tratti leggermente in discesa riesce a fare ancora meglio, fermandosi solo per il limitatore posto oltre i 10.500 giri, a quasi 130 Km/h indicati. Le prestazioni non gli mancano certo, ma i pregi del propulsore non si fermano qui. Il motore eSP (enhanced Smart Power) è infatti moderno e con una efficienza senza confronti. Ad esempio è dotato di un particolare motorino di avviamento ACG, privo di spazzole e studiato per garantire accensioni istantanee, fluide e silenziose. Un ottimo “compagno” del sistema Start&Stop, altro dettaglio che accomuna il Forza 125 alle auto di recente produzione. A chi è scettico diciamo subito che noi lo troviamo ancor più utile su uno scooter che su un’auto. Al semaforo si spegne qualche istante dopo essersi fermati e basta dare gas per partire senza nessun ritardo o scossone, in modo davvero molto fluido. Si risparmia benzina, ma si evitano anche le vibrazioni ed il calore sviluppato dal motore quando si è fermi, davvero da 10 e lode. Un tasto sul manubrio consente di escluderlo, ma non ne vediamo sinceramente il motivo per farlo. Perfetto per l’uso urbano, il Forza 125 è forse il miglior esempio per dimostrare (se dovesse ancora essercene il motivo) che un moderno 125 è più che idoneo anche per viaggiare, quindi per poter circolare su autostrade e strade ad oggi concesse solo ai motocicli di almeno 149cc, chissà quando finalmente il codice lo consentirà…

Guida e maneggevolezza:

Voto: ★★★★½ 

Comfort e sicurezza in città e non solo
Honda_Forza125_prova_su_strada_2015_guida

Partiamo dalle due cose più importanti per uno scooter di questa cilindrata, che si presta soprattutto per l’utilizzo da parte di automobilisti con la sola patente B per il tragitto casa – ufficio e come mezzo per muoversi in modo più comodo e veloce rispetto ad un’auto: comfort e sicurezza. Anche in questo il nuovo Forza 125 eccelle. ABS a 2 canali di serie che gestisce un impianto frenante dotato di un disco anteriore da 256 mm ed uno posteriore di 240, morsi da pinze e due ed un pistoncino. Grazie alla ciclistica dalla taratura piuttosto morbida, ma non eccessivamente cedevoli, garantisce una frenata sempre sicura ed a prova di inesperto delle due ruote, basta “appendersi” alle leve (qui troviamo un piccolo difetto del Forza 125, perché lo sforzo richiesto non è dei più contenuti quando si vuole staccare forte) ed affidarsi all’antibloccaggio. In questo noi ci schieriamo dalla parte dell’elettronica e riteniamo che non sia obbligatorio acquistare uno scooter a tre ruote per garantire una sicurezza buona anche a chi non è un motociclista da sempre. L’Honda Forza 125 dalla sua ha anche una gommatura abbondante, che non fa quasi avvertire il passaggio su una rotaia e non lo mette in crisi. Sono stati adottati cerchi di misura differente tra anteriore e posteriore, con un 15 pollici davanti ed un 14 dietro, abbinati rispettivamente a gomme 120/70 e 140/70. Le cosiddette ruote basse gli conferiscono almeno due caratteristiche positive: consentono infatti di contenere lo spazio rubato al vano sottosella e garantiscono una maggiore stabilità degli scooter a ruote alte alle andature elevate. Il Forza 125 è infatti molto stabile anche in curvoni affrontati alla velocità massima, dove un ruote alte spesso non è invece esente da qualche pericolosa sbacchettata ed ondeggiamento. In quanto al comfort la posizione di guida è ottimamente studiata. La sella è comoda e con un’altezza da terra contenuta in 780 mm, dettaglio che lo rende facile nel traffico e nelle manovre da fermo, i 159 kg di peso in ordine di marcia e con il pieno di benzina (un dato molto contenuto rispetto alla concorrenza diretta) poi sono ben equilibrati e non si avvisano nemmeno spostandolo in fase di parcheggio. Gli spazi per le gambe sono studiati per piloti anche di statura elevata e si viaggia ben protetti. La carenatura sale lateralmente per offrire una protezione alle gambe, mentre il cupolino può essere alzato di ben 12 cm per coprire in modo molto buono tutto il guidatore, testa inclusa. Insomma, il nuovo Forza 125 alza l’asticella nel suo segmento di mercato grazie ad un comfort ottimo, ma soprattutto perché, anche per il merito dell’ABS e di un’erogazione sempre fluida e mai brusca, si guida facilmente anche senza avere una esperienza sulle due ruote.

Prezzo e consumi:

Voto: ★★★★☆ 

Si fa pagare il giusto, offre consumi irrisori
Honda_Forza125_prova_su_strada_2015_chiusura

Il prezzo di listino del Forza 125 è di 4.590 euro, non proprio pochi per essere un “piccolo” 125, ampiamente giustificati però dai contenuti, dalla dotazione e dalle sue caratteristiche. Siamo di fronte ad un maxi scooter con propulsore 125, oltretutto con prestazioni ed efficienza da record. Honda con le tecnologie utilizzate per il Forza 125, incluso il sistema Start&Stop, ma anche riducendo gli attriti interni, promette dei consumi irrisori, con un dato dichiarato di ben 43,5 km/l nel ciclo medio WMTC. Se qualcuno fosse scettico, possiamo darvi un dato per noi ancora più sorprendente: senza risparmiare un millesimo il motore il consumo massimo a cui si riesce a scendere è comunque di ben 30 Km con un litro! Se invece si tiene un’andatura più attenta, si può addirittura far meglio del dato dichiarato. A 70 Km/h fissi, ad esempio, ci si avvicina alla soglia dei 50 con un litro. Gli 11,5 litri del serbatoio si traducono quindi in una autonomia mai inferiore a 350 Km, che con un utilizzo accorto può arrivare addirittura a 500. Il nuovo Honda Forza 125 è disponibile in Italia in tre colorazioni: quella dell’esemplari in queste foto, Matt Pearl Cool White / Matt Pearl Pacific Blue e poi Matt Cynos Grey Metallic e Matt Pearl Cool White / Black. Nel prezzo sono inclusi ben 4 anni di garanzia.

PRO E CONTRO
Ci piace:
Versatile e comodo in ogni contesto, ottime prestazioni nel segmento 125, look curato e riuscito
Non ci piace:
Prezzo impegnativo per la sua cilindrata, sforzo sulle leve in frenata migliorabile

Honda Forza 125 ABS: la Pagella di Motorionline

Motore:★★★★★ 
Maneggevolezza:★★★★½ 
Cambio e trasmissione:★★★★½ 
Frenata:★★★★☆ 
Sospensioni:★★★★☆ 
Guida:★★★★☆ 
Comfort pilota:★★★★½ 
Comfort passeggero:★★★★½ 
Dotazione:★★★★½ 
Qualità/Prezzo:★★★★☆ 
Linea:★★★★½ 
Consumi:★★★★★ 

Foto del test con fotocamera Full-Frame Mirrorless Sony A7 con obiettivo FE F3,5-5,6 OSS da 28-70mm
Abbigliamento del test:
Giacca: Dainese Washington Jacket
Pantalone: Dainese Jeans Prattville
Guanti: Dainese Blackjack nero
Scarpa: Stylmartin Sunset
Casco: Nolan N21 Visor

Honda Forza 125 ABS, prova su strada 2015
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

2 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Pingback: Carshooting: Sony A7, la mirrorless Full Frame che può infastidire le migliori reflex [RECENSIONE]

  2. GIANFRANCO

    11 agosto 2016 at 17:56

    Sono un patito di vespe fin dalla 125 ts, ho provato honda 125 forza, è veramente una forza. E’ uno scooter eccezionale Vi invito a provarlo è una bomba con consumi di 40 km/l complementi alla honda

Articoli correlati

Dainese: presentata la nuova esperienza Custom Works

Grazie a un Configuratore 3D è possibile realizzare capi completamente personalizzati
Dainese ha presenta al pubblico Custom Works, il servizio dipersonalizzazione dei capi della casa. Un’esperienza multicanale che inizia online con
Abbigliamento

Dainese – Laguna Seca 4

La quarta evoluzione tecnica dell'icona tra le Tute da Corsa
Per la quarta generazione di un mito tutte le tecnologie, Dainese propone una Tuta in Pelle all’avanguardia: tutta l’esperienza maturata su pista: