Suzuki V-Strom 650 XT ABS 2015, prova su strada

2/3 del mille e più voglia di enduro

Suzuki V-Strom 650 XT ABS 2015: Dopo avervela raccontata alla presentazione di alcuni giorni fa, abbiamo provato la piccola V-Strom, che si rifà il trucco e grazie ai cerchi a raggi ed al becco diventa più endurista ed accattivante. I bei cerchi tubeless in alluminio sono più adatti al fuoristrada, ma sono anche un vezzo estetico a cui in molti non vogliono rinunciare. Cilindrata e prezzo sono sostanzialmente una porzione, i due terzi appunto, della sorella maggiore. 650 contro 1000, poco più di 8.500 euro contro 12.500. Ma il divertimento e la fruibilità restano su ottimi livelli. Per chi non crede che l’ascesa di potenze e cilindrate sia una evoluzione necessaria, la nuova V-Strom 650 XT rappresenta un ottimo esempio di come un 650 con “appena” 69 cavalli sia perfetto in ogni contesto, dalla città al viaggio in capo al mondo, oltre che una alternativa più “classica” alle Honda NC750, con o senza il cambio a doppia frizione.

Estetica e finiture:

Voto: ★★★★☆ 

Un carattere forte e tanti affinamenti per renderla migliore
Suzuki_V_strom650XT_estetica

La XT non è solo una versione della V-Strom 650 “base”, rappresenta una delle tante cartucce che Suzuki si appresta a sparare da qui al 2017 nel segmento dual purpose, con la volontà di rilanciare in modo deciso il marchio. La 650 standard è stata ritoccata, con un look reso più avventuroso ed anche versatile. Le novità più evidenti sono i cerchi ed il becco che, lo ricordiamo, anche se è di gran moda ed utilizzato da molti concorrenti, è una “invenzione” di Casa Suzuki, con il DR-Big di fine anni ’80. Sotto pelle però la cosa più importante sono le modifiche al telaio, ora rinforzato, oltre a quelle al motore. Grazie all’alluminio diventa anche più leggero, oltre che più rigido. Il doppio trave in alluminio oltretutto è una chicca che poche concorrenti in questo segmento possono vantare. Sul fronte estetico il look è più simile alla sorellona 1000, soprattutto per quel parafango a becco, che in realtà viene sfruttato anche per meglio convogliare l’aria verso il sistema di raffreddamento del motore, nel contempo cercando di tenere quella calda lontana dal guidatore. Il serbatoio, pur garantendo l’ottima capacità di 20 litri, è ora più stretto e rastremato. La sella, con un’altezza di 83,5 cm da terra, è disponibile in due ulteriori varianti, una più bassa ed una più alta, ed è anch’essa un segno distintivo della XT, con un look rifatto e larghezza ridotta per dare più spazio ai movimenti delle gambe. Nel complesso siamo di fronte ad una moto confermata in gran parte, ma a cui tanti affinamenti ed alcune chicche giovano non poco. Il livello della qualità dei materiali e dell’assemblaggio è molto buono, soluzioni a volte semplici, ma sempre ben realizzate e funzionali. Come per la strumentazione multifunzione che offre un comodo tasto sul blocchetto devio luci sinistro per scorrere tra le funzioni, non ci sono i dati sul consumo, ma non mancano l’indicazione del rapporto inserito ed il livello del serbatoio, oltre che una ottima leggibilità. Il parabrezza regolabile su tre posizioni garantisce una discreta protezione aerodinamica anche ai più alti.

Motore e prestazioni:

Voto: ★★★★☆ 

Si conferma e migliora nell’erogazione
Suzuki_V_strom650XT_motore

Quando capita di provare una moto come questa, in particolare la V-Strom 650 XT è davvero un prodotto ben realizzato, con una fruibilità ed un rapporto prezzo/contenuti davvero incredibile, non riusciamo a non pensare che l’ascesa di potenze e cilindrate sia una moda destinata ad implodere. Soprattutto perché in pochi hanno voglia e capacità di sfruttare certi mostri sulle strade di tutti i giorni. Solo pochi anni fa una enduro con 70 cavalli era ritenuta una moto al top in questo segmento, in grado di portarci ovunque, in comodità e su ogni strada e tipo di percorso, la moto dei sogni per molti, in tanti si accontentavano di molto meno. Ora, ingiustamente, sembrano le entry level, a cui se uno può, preferisce la sorella maggiore. Sarà per una questione economica, ma noi crediamo che non solo per questo le moto di questo segmento si stanno riprendendo il centro dell’attenzione. I 69 cavalli assecondano tutti, o quasi, i desideri di chi la guida, rendendo la nuova Suzuki V-Strom 650 XT idonea all’uso in città quanto a quello per le vacanze e lunghi viaggi. Il bicilindrico a 90° è una soluzione sempre più rara in un mercato pieno di frontemarcia (F800GS e NC750 prime tra tutte). La XT mantiene invariata potenza del 650, capace di 69 cavalli, ma grazie alle modifiche, incluse quelle all’impianto di raffreddamento ed agli inediti convogliatori dell’aria abbinati al becco, Suzuki promette una erogazione più corposa ai regimi più elevati. Anche i 60 Nm a 6.400 giri sembrano essere più gustosi e sfruttabili. Merito di tante piccole modifiche, affinamenti come la modifica dell’angolo delle valvole, la forma del cielo del pistone, cilindri trattati con il sistema Suzuki Composite Electrochemical Material (SCEM) ed aggiornamenti al sistema d’iniezione Suzuki Dual Throttle Valve (SDTV). La XT si giova poi di una sesta marcia allungata, sinonimo di una vocazione ai lunghi viaggi, ma anche dell’attenzione ai consumi. A chi sia convinto che per divertirsi servano potenze a tre cifre, consigliamo di farsi un bel giro con la nuova V-Strom 650 XT.

Guida e maneggevolezza:

Voto: ★★★★½ 

Versatile come ogni dual purpose dovrebbe essere
Suzuki_V_strom650XT_guida

I cerchi a raggi sono il dettaglio che dovrebbe maggiormente differenziarla dalla standard nella guida. I canali in alluminio ed una nuova progettazione consentono invece di contenerne il peso, rendendoli idonei anche alla guida su asfalto quanto dei normali cerchi in lega. Di contro sullo sterrato i raggi ammortizzano e sono più indicati alla guida in off road. Invariate le dimensioni, con il 19 anteriore ed un 17” al posteriore, abbinati ad un 110/80 e ad un 150/70. L’ergonomia migliorata, con sella e serbatoio più stretti, ed una moto piuttosto compatta consentono di guidarla in modo facile. La V-Strom 650 XT è maneggevole, ideale anche per la città dove è a suo agio quanto uno scooter e dove le manca solo un bauletto (il kit borse è però ovviamente disponibile opzionalmente) per riporre una catena per legarla o i caschi quando la si parcheggia. In particolare la sella rastremata consente da fermo un appoggio a terra facile anche chi non è altissimo, nel contempo durante la guida ci si muove in modo più facile con le gambe. La V-Strom 650 XT è perfetta soprattutto per un bel giro su strade tortuose, dove il perfetto equilibrio tra il propulsore e la ciclistica semplice, ma efficace, consentono di divertirsi in tutta sicurezza. Si basa sulla forcella anteriore tradizionale, con steli da 43 e regolabile in precarico, abbinata ad un mono con un comodo rinvio del meccanismo per l’analoga regolazione. In autostrada la buona protezione aerodinamica e le vibrazioni contenute la fanno amare dai grandi viaggiatori. L’unico difetto, se vogliamo trovargliene uno è la frenata non da 10 e lode, peraltro l’impianto frenante, con dischi da 310 mm all’anteriore, è assistito di serie da un ottimo ABS (non disinseribile come consuetudine per Suzuki). I 215 chili non si sentono affatto nella guida “ON”, mettendo le ruote in off road sono tutto sommato gestibili, la V-Strom 650 XT infondo è proprio fatta per questo, anche se le dual purpose, al giorno d’oggi, di fuoristrada ne fanno ben poco. Di certo se cercate una “tutto fare” che vi possa portare a spasso per una vacanza di qualche migliaio di chilometri in comodità, ma con cui non aver timore di una strada bianca o di un po’ di vero fuoristrada, lei fa per voi, in piedi sulle pedane e via, togliendosi il gusto anche di qualche bel traverso, visto che i 69 cavalli sono gestibilissimi e l’erogazione molto regolare. Oltretutto il motore a V si spegne con minor facilità dei frontemarcia, dettaglio non da poco quando ci si muove tra gli ostacoli ad andature molto contenute.

Prezzo e consumi:

Voto: ★★★★½ 

Prezzo accattivante, 3 colori e numerosi accessori per personalizzarla
Suzuki_V_strom650XT_chiusura

Gran parte degli interventi sul motore sono stati fatti, o hanno comunque portato consistenti miglioramenti alla voce consumi. Nel nostro test abbiamo rilevato dati da scooter in città, con percorrenze intorno ai 20 Km/l, mentre nelle tratte extraurbane si riescono a percorrere quasi 25 Km/l. Grazie al serbatoio da 20 litri l’autonomia garantita è quindi ottima. Disponibile in tre colori, bianco, rosso e grigio opaco la nuova Suzuki V-Strom 650 XT è in vendita proprio da questi giorni a partire da 8.590 euro. I principali accessori disponibili sono: barra e piastre paramotore, cavalletto centrale, presa 12 volt, parabrezza touring, fari fendinebbia a LED, oltre al kit borse in metallo.

PRO E CONTRO
Ci piace:
Una vera dual purpose, facile e pronta a tutto, look moderno ed accattivante

Non ci piace:
Frenata migliorabile

Suzuki V-Strom 650 XT ABS: la Pagella di Motorionline

Motore:★★★★☆ 
Maneggevolezza:★★★★½ 
Cambio e trasmissione:★★★★½ 
Frenata:★★★½☆ 
Sospensioni:★★★★☆ 
Guida:★★★★½ 
Comfort pilota:★★★★☆ 
Comfort passeggero:★★★★☆ 
Dotazione:★★★★☆ 
Qualità/Prezzo:★★★★☆ 
Linea:★★★★☆ 
Consumi:★★★★½ 

Abbigliamento del test:
Giacca: Dainese G. Ridder Gore-Tex
Pantalone: Dainese P. Travelguard Gore-Tex
Guanti: Dainese Scout Evo Gore-Tex
Stivale: Dainese Carroarmato Gore-Tex
Casco: AGV AX-8 Dual Evo

Leggi altri articoli in Prove su Strada

Lascia un commento

3 commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Dainese: presentata la nuova esperienza Custom Works

Grazie a un Configuratore 3D è possibile realizzare capi completamente personalizzati
Dainese ha presenta al pubblico Custom Works, il servizio dipersonalizzazione dei capi della casa. Un’esperienza multicanale che inizia online con
Abbigliamento

Dainese – Laguna Seca 4

La quarta evoluzione tecnica dell'icona tra le Tute da Corsa
Per la quarta generazione di un mito tutte le tecnologie, Dainese propone una Tuta in Pelle all’avanguardia: tutta l’esperienza maturata su pista: