Piaggio, il successo nasce da come è stata affrontata la globalizzazione

Roberto Colaninno evidenzia come la sua società sia una delle leader del mercato delle due ruote

Piaggio, il successo nasce da come è stata affrontata la globalizzazionePiaggio, il successo nasce da come è stata affrontata la globalizzazione

Piaggio – “Per Piaggio diventare un gruppo globale, partendo dall’Italia, è stato ed è difficile, forse più che per aziende di altri Paesi”. Lo ha detto Roberto Colaninno, presidente e amministratore delegato di Piaggio, in un’intervista al Corriere Economia. Per il presidente di Piaggio la parola d’ordine era e rimane ancora una volta crescita perché apre orizzonti di sviluppo altrimenti impossibili e garantisce continuità alle operazioni italiane. “Senza la crescita in Asia, non ci sarebbe nemmeno una Piaggio italiana”, ha aggiunto Colaninno.

I dati relativi all’industria delle due ruote italiana fanno registrare, dopo un inizio promettente, un assestamento al -1% rispetto allo scorso anno. “Dobbiamo accontentarci di non registrare più ribassi a due cifre”, ha detto Roberto Colaninno, presidente della Piaggio. A fine settembre in Europa c’è stata una leggerissima crescita che ha visto come una delle protagoniste proprio la Piaggio, a cui appartiene circa il 16% complessivo del mercato e oltre il 25% per quanto riguarda quello degli scooter; i nuovi modelli Vespa, poi, sono cresciuti a volume di oltre il 2% e il tre ruote Mp3 del 20%.

La leadership di Piaggio è stata confermata anche negli Usa, dove la filiale di New York ha un’organizzazione nuova e tenterà di crescere anche nel settore moto con Aprilia e Moto Guzzi. Per il presidente di Piaggio c’è molta concorrenza, qualificata e ricca di risorse finanziarie, ma è certo che il gruppo italiano rimarrà ai vertici dato che si tratta di uno dei pochi costruttori europei ad avere affrontato con successo la globalizzazione. “La nostra forza non è solo lo stile italiano, ma anche la tecnologia. Dal 2003 abbiamo prodotto e venduto quasi un milione e mezzo di Vespa, dieci anni fa erano poco più di 50 mila all’anno”, ha concluso Colaninno.

Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati