BMW R nine T, il Giappone la celebra con quattro modelli

BMW R Nine T – I BMW Motorrad Days sono il più grande evento della BMW Motorrad di tutto il Giappone e si sono svolti presso il Hakuba47 Mountain Sports Park il 30-31 agosto 2014. I fan nipponici hanno potuto passeggiare tra una vasta gamma di stand espositivi, nonchè presenziare alla premiere di quattro motociclette BMW R Ninet, ognuno delle quali è il risultato di una conversione personalizzata ed unica realizzata dalle più importanti aziende di personalizzazione giapponesi.

Ha fare gli onori di casa c’era Florian Renndorfer, capo di BMW Motorrad Asia, Pacifico, Medio Oriente, Cina e Sud Africa, il quale ha voluto lasciare subito spazio al suono del motore e alle bellezza del design di queste quattro personalizzazioni R Ninet che ha dominato l’evento. Go Takamine (Brat Style), Kaichiroh Kurosu (Cherry’s Company), Shiro Nakajima (46 Works) e Hideya Togashi (HIDE Motorcycle) hanno tutti accettato la sfida di trasformare una BMW R Ninet in una creazione individuale del proprio design in meno di 200 giorni.

La creazione di Go Takamine denominata ‘Cyclone’ è stata accolta da applausi scroscianti ed è stata presentata dallo stunt di fama mondiale Chris Pfeiffer. L’interpretazione di Takamine della R Ninet ha rivelato un carattere a filigrana agile, coronata da un design immacolato, per non parlare di numerosi componenti cromati. “Questa moto da strada è il mio tentativo di coniugare il passato con il futuro prossimo, nella forma di una moto moderna, attualmente nascosta sotto un esterno nostalgico”.

La ‘Highway Fighter’ di Kaichiroh Kurosu è il risultato di una miscela stilistica tra gli elementi storici e quelli attuali della BMW. Il confronto con la bellezza mozzafiato del prototipo BMW R7 del 1934 sono pienamente giustificati, anche se la creazione di Kurosu è essenzialmente una moto che è stata realizzata nei moderni impianti di produzione con uno stile attuale. ‘Per me l’oggetto dell’esercizio è stato quello di guardare al futuro. Ho immaginato come una motocicletta BMW potrebbe apparire tra dieci anni e credo che potrebbe essere ancora un modello molto fresco, anche se il tradizionale motore boxer bicilindrico dovesse essere sostituito da un motore elettrico’.

Al contrario, Shiro Nakajima e la sua ‘Clubman Racer’ è stato il risultato della passione di un uomo per le moto con una guida perfetta, sia su strada che in pista. ‘Quello che volevo era creare qualcosa di un pò più sportivo di una cafe racer, qualcosa che che si può veramente gustare anche in pista. Questo è stato il motivo per cui ho deciso di renderla il più leggero possibile’.

La ‘Boxer’ di Hideya Togashi ‘Boxer’ è una variante senza tempo in un design sportivo classico. La sua carenatura ricorda le repliche da corsa degli anni Settanta, portando avanti entrambe le memorie e le aspirazioni tra gli appassionati di motociclismo. ‘La caratteristica principale è il suo serbatoio in alluminio sottile. Sembra che abbracci il pilota, mentre il design della carenatura è preso in prestito da quello di diciannove modelli settanta da corsa’.

BMW R nine T, il Giappone la celebra con quattro modelli
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati