Dainese Manis Back Protector: adattabilità camaleontica e sicurezza alla guida

Il proteggi schiena con placche a scorrimento

Dainese Manis Back Protector:  adattabilità camaleontica e sicurezza alla guidaDainese Manis Back Protector:  adattabilità camaleontica e sicurezza alla guida

Il nuovo proteggi schiena Manis è stato presentato ufficialmente da Dainese. Da tempo ci si chiede se tali protezioni possano servire sul serio, e dunque rendere più confortevole e protetta la marcia, oppure se, viceversa, non possano in realtà costituire un reale ostacolo al movimento e alla libertà del conducente. Tra le peculiarità di questo nuovo paraschiena vi è sicuramente l’adattabilità delle forme: Dainese assicura che il Manis sia in grado di allungarsi, accorciarsi, flettersi e piegarsi, in base ad ogni movenza del conducente, senza creargli alcuna oppressione oppure fastidio.

Durante la gestione di qualsiasi tipologia di movimento, le speciali placche del tessuto di Manis sarebbero in grado di fungere da “ponte di assorbimento” così da aumentare l’area di dissipamento dell’energia creata ed evitare che invece essa carichi tutta la mole di lavoro sulla colonna vertebrale del motociclista. Tali placche sono interconnesse le une alle altre tramite un fulcro centrale che ne dovrebbe poter assicurare lo scorrimento sulla schiena. Delle speciali giunture laterali in silicone garantirebbero, a coronamento della struttura, integrità e resistenza all’intera protezione.

Il cuore dell’intero sistema Manis, nei piani del marchio, dovrebbe però essere rappresentato dall’imbottitura del paraschiena. Questa intelaiatura speciale connette tre trame differenti: uno speciale materiale d’assorbimento dell’urto Crash absorb, un layer in polietilene espanso ed un terzo componente totalmente forato per garantire la giusta evacuazione del calore corporeo. Con il lancio di questa poliedrica protezione adattabile, Dainese mira a ridefinire gli standard d’uso di tali accessori per la guida delle moto. Saranno stati lungimiranti? Ai posteri l’ardua sentenza.

Leggi altri articoli in Caschi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati