WP_User Object
(
    [data] => stdClass Object
        (
            [ID] => 11
            [user_login] => abbati
            [user_pass] => $P$ByBk22g5Fp2aXAHPumlBAgZkXB2x2H0
            [user_nicename] => abbati
            [user_email] => abbati.press@gmail.com
            [user_url] => 
            [user_registered] => 2013-11-06 14:46:04
            [user_activation_key] => 
            [user_status] => 0
            [display_name] => Michele Abbati
        )

    [ID] => 11
    [caps] => Array
        (
            [contributor] => 1
        )

    [cap_key] => wp_capabilities
    [roles] => Array
        (
            [0] => contributor
        )

    [allcaps] => Array
        (
            [edit_posts] => 1
            [read] => 1
            [level_1] => 1
            [level_0] => 1
            [delete_posts] => 1
            [contributor] => 1
        )

    [filter] => 
    [site_id:WP_User:private] => 1
)

Beta ALP 2014, cross oppure trial in un’unica soluzione

Diventa una moto da trial smontando sella e copriserbatoio

Una moto un’unica destinazione, l’offroad, ma da vivere con due punti di vista differenti riuniti insieme in un solo mezzo: la nuova Beta ALP 200cc. L’edizione 2014 permette, grazie ad una semplice operazione, di passare dalla configurazione fuoristrada alla versione più specialistica trial. Nuova moto ma stesso prezzo del 2013 di euro 4520,00 iva inclusa; due le colorazioni disponibili, bianco e rosso, accompagnate da nuove grafiche.

ALP 200 è una moto polifunzionale e affidabile contraddistinta da bassi costi di esercizio. Le linee sono dinamiche, nuovo è il porta faro preso in prestito dalla sorella ALP 4.0, mentre la strumentazione proviene dalla gamma RR. La ciclistica è incentrata su un telaio a traliccio che, grazie alle speciali sospensioni, coniuga una grande maneggevolezza, in fuoristrada e non, ad una sorprendente agilità. Leggera (poco più di 100 kg) e bassa da terra, permette di esercitarsi nel modo più opportuno nelle tecniche offroad. Decisamente a suo agio anche negli sportamenti quotidiani.

Il motore è un monocilindrico 4 tempi, raffreddato ad aria, monoalbero a camme in testa con 2 valvole, dotato di avviamento elettrico e meccanico (la classica leva a pedale).

Ma veniamo all’innovazione di questa Beta ALP, un’idea è tanto semplice quanto geniale. Niente accessori da acquistare, basta un semplice cacciavite per smontare copriserbatoio e sella ed ottenere una moto da trial entry level. Una sola moto, doppio utilizzo, solo pochi minuti per trasformarla.

Insomma, una moto essenziale per scalare qualsiasi montagna. Una moto per tutti i giorni che sa trasformarsi quando si vuole fare sul serio.

Beta ALP 2014, cross oppure trial in un’unica soluzione
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Marchi moto

Beta: listino prezzi del 2019

Dopo il lancio della nuova Evo Factory la casa toscana ha pubblicato il listino completo per il 2019
Dopo l’annuncio del lancio della nuova Evo Factory (qui tutte le caratteristiche) Beta ha pubblicato il listino prezzi per il
Sport

Beta presenta la nuova Evo Factory MY 2019

Tre le versioni con motore a 2 tempi disponibili (125, 250 e 300 cc) e una 4 tempi (300 cc)
Beta – Il 2019 si apre con un’importante novità in casa Beta che piazza un altro colpo che sa di