Motor Bike Expo 2014 – Ecco tutti i big del custom style

Arrivano dagli States, ma anche l'Europa è protagonista

Creazioni ardite, tanto talento infiammeranno il Motor Bike Expo 2014, grazie alle mani di grand’arte motociclistica dei migliori customizer i quali, come avviene ormai da anni, si presenteranno con alcune realizzazioni inedite, appositamente concepite per la rassegna. Saranno tanti i volti noti del customizing, a cui vanno aggiunti i nuovi arrivi. La loro presenza pone di diritto la kermesse veronese in una ristrettissima elite dei più grandi eventi internazionali.

Ecco quindi che dall’altra parte dell’oceano Atlantico porteranno le loro creazioni Cory e Zach Ness, Jody Perewitz, Kirk Taylor e Chris Richardson.

Cory e Zach Ness non hanno certo bisogno di presentazioni. La famiglia Ness, da tre generazioni (Il capostipite Arlen, il figlio Cory e il nipote Zach) lavora ad arte diversi tipi di moto, compresi diversi modelli di gamma Victory. Altro custom bike builder di fama mondiale è Dave Perewitz, ma al Bike Expo 2014, è ora la volta della figlia Jody: una donna decisamente veloce visto il suo record imbattuto di “donna più veloce su un V-Twin americano” avendo raggiunto nel 2012 sul mitico lago salato di Bonneville la velocità di 203 miglia orarie (327 km/h). Dal suo atelier di Novato in California, arriva Kirk Taylor della Custom Design Studios. Kirk è specializzato in restauri di Harley-Davidson, Indian d’epoca e hot rod a quattro ruote. Mezzi molto speciali, pezzi unici da lui stesso disegnati, comprese le verniciature. Sempre dalla West Coast arriva un altro californiano, Chris Richardson, titolare del marchio LA Speed Shop. E’ specializzato in chopper e bobber minimalisti ma con una grande attenzione al dettaglio, che gli hanno fatto guadagnare la fama di costruttore innovativo e copertine sui principali magazine americani.

A Motor Bike Expo 2014, non manca l’impegno dei grandi artisti delle due ruote europei come Danny Schneider, Peder Johansson, Laurent Dutruel.

Berna, Svizzera, da qui giunge Danny Schneider di Hardnine Choppers, una presenza costante a Verona. E’ un customizer trasversale, il suo particolare stile si plasma in ogni genere di moto, dalle Harley-Davidson alle Indian, passando per le Triumph, con una predilezione per i mezzi costruiti tra gli anni Quaranta e Cinquanta. Lo stile è essenziale, ed è un retaggio del suo passato di “crossista”, moto agili, moto essenziali, con addirittura richiami al mondo delle BMX e del Freestyle. Portacolori svedese è Peder Johansson di Hogtech, un ”mago” dei chopper, che insieme al socio Andreas Jarledal interpreta in chiave moderna da oltre trent’anni lo stile scandinavo. Scandinavo ma con un cuore raffreddato ad aria a forma di V-Twin; visto che i natali li ha avuti negli Stati Uniti, è a tutti gli effetti uno Yankee svedese. Le sue creazioni sono chopper omologati hard tail dotati di motori americanissimi motori S&S.

Laurent Dutruel di Zen Motorcycles, è francese, ed è un preparatore poliedrico che si dedica con la stessa passione tanto alle moto custom, quanto alla costruzione di…mobili su misura! Laurent è anche un appassionato di velocità, tanto che da alcuni anni partecipa alla Speed Week di Bonneville e nel 2013 è giunto nello Utah da San Francisco a bordo della stessa moto con cui ha gareggiato, una Harley-Davidson 1200 Turbo.

Motor Bike Expo 2014 – Ecco tutti i big del custom style
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in Eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati