Motorcycle Live 2013: In visita allo stand Ducati il Principe William

Il Duca di Cambridge non nasconde la sua passione per le "Rosse"

E’ una Ducati in veste reale quella che ha accolto il Principe William, Duca di Cambridge, lo scorso sabato in visita ufficiale al salone Motorcycle Live di Birmingham, dov’è stato ospite d’eccezione presso lo stand Ducati. Tim Maccabee, Amministratore Delegato di Ducati UK Ltd, ha accolto l’illustre rappresentante della Casa Reale e gli ha presentato la nuova Ducati Monster 1200 e Ducati Diavel, sul quale il Principe – che non ha mai nascosto la sua passione per le “Rosse di borgo Panigale”- è voluto salire per provarne l’ergonomia e la posizione in sella.

Sempre nel corso della sua visita allo stand Ducati, il Principe William, ha incontrato l’ex Campione nazionale di Superbike britannico, Shane Byrne col quale ha voluto scambiare qualche battuta e strappare qualche consiglio di guida, ovviamente in tema Ducati.
Il Duca di Cambridge ha voluto anche vedere da vicino la nuova Ducati 1199 Superleggera, al suo debutto nel Regno Unito proprio durante questo importante salone. Il modello, disponibile in edizione limitata in soli 500 esemplari, rappresenta la Ducati più esclusiva e ambita di tutta la gamma e, grazie ai componenti in magnesio, carbonio e titanio, vanta il rapporto potenza/peso più elevato di ogni altra moto mai costruita.

«È stato un grande piacere ed un vero onore accogliere Sua Altezza Reale il Principe William al nostro stand», ha commentato Tim Maccabee. «Era molto interessato, ed è salito su diversi modelli della gamma esposta, restando piacevolmente colpito dalla posizione di guida del nuovo Monster e del Diavel. Naturalmente la Ducati che lo ha affascinato in assoluto è stata la 1199 Superleggera, per la quale ha mostrato grande interesse ed ammirazione».
Per concludere la visita, il Principe si è soffermato sulla Ducati 899 Panigale che gareggerà nella serie Ducati TriOptions Cup, prevista tra le ‘support race’ a contorno del Campionato britannico Superbike nel 2014.

Leggi altri articoli in Marchi moto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati