KTM RC390 nata per la strada ma con le corse nel DNA

Una piccola che vuole coniugare super leggerezza e un motore pimpante

Spigoli vivi e un design motociclistico d’avanguardia per una piccola sportiva che ti guarda strano, poco sopra quel che sembra essere un accenno di…becco! Il telaio è arancione, i cerchi anche, inoltre è piccola e compatta ma lo spirito è quello delle sorelle più grandi. E’ la nuova KTM RC390 che, forte del grande risultato mondiale in Moto3, vuole far breccia nei cuori…ma anche nel polso destro di tanti ragazzi e perché no, anche di tanti appassionati più “anziani”. Nel 2014 le sarà dedicato anche un campionato monomarca.

L’RC390 dovrà scaldare bene le gomme per competere con proposte come la Ninja 300 o la Honda CBR250R, ma vista la base tecnica, avrà davvero ben poche difficoltà. Da Mattighofen ci hanno abituato col traliccio ed anche in questo caso i nostri occhi si posano sull’arancione del telaio al quale è vincolato posteriormente un classico ed ottimamente rifinito forcellone in lega; quest’ultimo sorregge una ruota da 17” con relativo pneumatico 150/60 (di serie Metzeler Sportec M5…non male). Davanti forcella a steli rovesciati in unione ad una ruota sempre da 17” con pneumatico 110/70. WP ovviamente per quanto riguarda le sospensioni, mentre a frenare gli istinti dei giovani piloti ci pensa un impianto frenante ByBre con pinza ad attacco radiale a 4 pompanti e disco singolo da 300 mm davanti, e pinza a singolo pistoncino accoppiata a un disco da 230 dietro.

Con un peso a secco di soli 147 kg ed un interasse di soli 1340 mm, questa piccola supersportiva promette tanta agilità e tanto tanto divertimento. E il motore? Un peperino. Diamo i numeri: 1 cilindro, 4 tempi e 4 valvole DOHC, 44 CV, per un cilindrata di 373 cc lo stesso già apprezzato su Duke 390, raffreddamento a liquido e cambio a 6 marce: il tutto ferma la bilancia a 36 kg. Alcune finezze tecniche ad accrescere il valore racing: pistone fucinato, cilindro con rivestimento al Nikasil a riguardo della termica e alberi della trasmissione sovrapposti per limitare la lunghezza del propulsore. Tutte le informazioni sulla guida come marcia inserita, livello carburante e manutenzioni programmate, sono racchiuse nel pregevole display LCD; non manca neppure l’avvisatore di cambiata!

Quindi, una gran bella sportivetta questa RC390, ha tutto quel che serve per divertire ed appagare i giovani piloti che la sceglieranno. Per inciso, il rapporto peso potenza di 0,2 kW/kg fa rientrare questa KTM nei limiti per la patente A2. L’ABS è di serie così da avere la necessaria tranquillità su strada, ma è disinseribile per la guida in pista. Disponibile un’ampia galleria di accessori come scarico Akrapovic, pedane, grafiche, persino un kit racing al 100%.

Foto: KTM RC390

KTM RC390 nata per la strada ma con le corse nel DNA
Vota questo Articolo
Leggi altri articoli in EICMA 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati