Smart ebike, Papa Francesco riceve il Gruppo Daimler per la mobilità sostenibile

Incontro organizzato per la consegna della nuova Papamobile

Smart ebike, Papa Francesco riceve il Gruppo Daimler per la mobilità sostenibileSmart ebike, Papa Francesco riceve il Gruppo Daimler per la mobilità sostenibile

Sua Santità Papa Francesco ha ricevuto ufficialmente le chiavi della nuova Papamobile, con la quale il Sommo Pontefice visiterà prossimamente il Brasile in occasione del suo primo viaggio apostolico. A consegnargli le chiavi è stato Dieter Zestche, presidente di Daimler AG, il quale poi si è intrattenuto presso la Domus Santa Marta per parlare della mobilità sostenibile, uno dei tanti argomenti al quale il Papa attribuisce una grandissima importanza. «È stata per me una grande gioia incontrare Papa Francesco – ha dichiarato Zetsche – Accompagneremo Papa Francesco nel suo primo viaggio apostolico in Brasile, rinnovando una tradizione che riempie di orgoglio tutti i collaboratori dell’azienda: un grande onore, oltre che un importante segno di continuità

Durante la Visita, Zestche ha voluto illustrare a Sua Santità tutti i progetti che il Gruppo Daimler sta seguendo per la mobilità sostenibile attraverso i suoi vari marchi. La Smart ebike, naturalmente, ha occupato un posto di primo piano, come dimostra la foto scattata per l’occasione. La Smart ebike è stata introdotta per la prima volta al Salone di Francoforte nel 2011. Sviluppata in collaborazione con la Grace, monta un motorino da 250 watt e un pacco di batterie da 400 Wh. La carica può durare fino ad un massimo di 100 km e consente al ciclista di raggiungere, grazie alla pedalata assistita, velocità comprese tra i 25 e i 30 km/h con poco sforzo.

Si tratta solamente di uno dei progetti per la mobilità sostenibile ed elettrica che il Gruppo ha in serbo. Tra il 2013 e il 2014 ilo colosso tedesco ha dichiarato di aver intenzione di stanziare fino a 10,8 miliardi di euro in ricerca e sviluppo, metà dei quali specificatamente dedicati alle tecnologie ecologiche.

Leggi altri articoli in Mobilità elettrica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati